“Il potere dell’arte”, una nuova lente per vedere l’immigrazione. Il 19 spettacolo alla Cittadella

L’appuntamento è per venerdì 19 alle 20,30 alla Cittadella dei giovani. L’iniziativa, organizzata dal Centro comunale immigrati extracomunitari, sarà un mix di discipline artistiche: dal cinema alla danza per arrivare alla musica.
Cultura

L’arte non ha colori né lingua o, meglio, ingloba tutte le lingue e tutti i colori. Con questo spirito l’assessorato comunale alle Politiche sociali, quello alla Pubblica istruzione, il Ccie (Centro comunale immigrati extracomunitari) e la cooperativa sociale La Sorgente hanno organizzato quello che è stato presentato come “un evento misterioso, una sorpresa”. Si tratta di uno spettacolo che sarà messo in scena venerdì 19 alle 20,30 alla Cittadella dei giovani. “Il potere dell’arte” è il titolo. Sarà un mix di discipline artistiche che spaziano dal cinema alla danza per arrivare alla musica. L’evento è stato presentato questa mattina in una conferenza stampa. Marco Sorbara, assessore alle Politiche sociali, che sottolinea: “Il Ccie lavora per tutta la comunità, non solo per gli immigrati e l’evento di venerdì è rivolto e pensato per tutti”.

Il Centro per gli immigrati lavora gomito a gomito con le amministrazioni pubbliche e nel 2009 sono state ben 1339 le consulenze che ha elargito. Diego Baiocco che del Ccie è il coordinatore spiega l’importanza dell’appuntamento “Il potere dell’arte”: “noi vogliamo promuovere e far conoscere il fenomeno migratorio rivolgendosi non solo agli addetti ai lavori o agli immigrati, ma anche ai valdostani”. L’invito è quindi a partecipare numerosi, “le sorprese non mancheranno, è uno spettacolo mai visto in Valle, descriverlo a parole è impossibile”, dice Alex Casu, regista che ha seguito il progetto. Il presidente della Sorgente, Riccardo Jacquemod, ricorda che “l’immigrazione è una questione problematica e la conoscenza è un passo fondamentale per la sua comprensione”. Quella di venerdì è quindi un’occasione per il confronto e la conoscenza e allo spettacolo seguirà un  confronto dibattito sul tema. “L’arte è universale”, chiude Casu, “e l’arte è il bisogno innato dell’uomo di andare sempre alla ricerca di qualcosa. Venerdì  assisterete a un percorso sentimentale e emotivo”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura
Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte