Parte venerdì 17 ottobre il lungo Percorso della Legalità nelle scuole valdostane

Il progetto offre a 300 studenti valdostani incontri-testimonianze, visite a strutture confiscate alla Mafia, laboratori didattici ma anche momenti di riflessione in classe sul tema della legalità. Il tutto culminerà a maggio nel Memorial Day 2009.
La presentazione della seconda edizione del progetto
Cultura

Partirà il prossimo 17 ottobre con la testimonianza di un collaboratore di giustizia e dell’associazione Addio Pizzo, la seconda edizione del Percorso della Legalità, il progetto rivolto a circa 300 studenti delle terze e quarte classi delle superiori valdostane, promosso dal Comune di Aosta, dall’Assessorato regionale all’Istruzione, dal Sindacato autonomo di Polizia, dal Consiglio regionale e dalla Questura di Aosta.

“Non c’è futuro senza memoria” ha sottolineato il vice sindaco Marino Guglielminotti Gaiet nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa, auspicando come “il tema della legalità possa essere portato come approfondimento per i giovani anche nella nuova Cittadella loro dedicata che verrà inaugurata in primavera.

A fargli eco, l’Assessore all’Istruzione, Laurent Viérin che ha ricordato come “il progetto sia riuscito l’anno scorso a fare crescere nei giovani una maturità democratica collettiva e come sia uscito dalle scuole per fare da tramite fra i ragazzi e la società civile”.

Sei le tappe previste dal percorso della legalità che culminerà nel mese di maggio, in occasione del 17esimo anniversario delle strage di Capaci, nella manifestazione “Per non dimenticare – Memorial Day 2009”.

Dopo i quattro incontri/testimonianze riservate agli studenti –  oltre a quello del 17 ottobre, sono in programma appuntamenti  ad esempio con l’Associazione Vittime delle strade e con il pilota Alex Zanardi –  i ragazzi saranno impegnati nella realizzazione in classe di un tema, una poesia, o un testo di una canzone e nella realizzazione di un video, uno slogan, uno spot che sarà premiato con la partecipazione della classe al viaggio fino a Palermo sulla nave della Legalità.  

Altre tappe del percorso prevedono la partecipazione di alcuni studenti alla Corsa per la Legalità organizzata dal Sap per celebrare tutte le vittime del dovere e novità di questa seconda edizione,  l’organizzazione di una serie di visite didattiche ad alcune strutture confiscate alla Mafia nella Regione Piemonte, gestite dall’Associazione Libera di Don Ciotti, partner del progetto, assieme alla Fondazione Falcone e all’Associazione Un’altra Storia di Rita Borsellino.

A fare da sfondo alla seconda edizione del Percorso della Legalità, il manifesto realizzato l’anno scorso da una studentessa dell’Istituto d’Arte di Aosta, Selene Stella, che oltre ad essere stato appeso in giro per l’Italia, ha svelato il segretario regionale del Sap, Massimo Denarier, è arrivato fino a New York, ospitato in una mostra fotografica sugli attentati alle Torri Gemelle.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cultura

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte