Aumenta di 9milioni di euro l’utile di Cva. In cantiere investimenti per 400milioni

La Compagnia valdostana delle acque presenta i risultati dell’esercizio finanziario 2008. Trisoldi: “In sei anni abbiamo aumentato del 98% l’energia venduta e l’incremento del valore della produzione consolidata è del 321%”.
Da sinistra Paolo Giachino e Riccardo Trisoldi
Economia

Un utile netto di oltre 70milioni di euro, 5miliardi 200milioni di chilowattora venduti, 342 dipendenti. Sono alcuni numeri con cui si chiude l’esercizio finanziario 2008 della Compagnia valdostana delle acque, la società per la produzione dell’energia elettrica di proprietà regionale. “Il 2008 è stato un anno estremamente favorevole – ha detto il presidente di Cva, Riccardo Trisoldi – nonostante uno scenario pesante negli ultimi tre o quattro mesi. In sei anni abbiamo aumentato del 98% l’energia venduta e l’incremento del valore della produzione consolidata è del 321%”.

Uno degli obiettivi del 2008 era di superare la soglia dei 5 miliardi di Kwh venduti: un risultato che è stato raggiunto, ma su cui oggi i vertici aziendali sono molto prudenti. “Per quest’anno – mette in guardia Trisoldi – intendiamo portare la quantità di energia intermediata a 3,8miliardi di chilowattora per contenere la volatilità del mercato e mantenere la redditività”. Il problema è che a causa della crisi economiaca e finanziaria sono crollati i consumi di energia, soprattutto a livello industriale, rendendo meno conveniente comprare e vendere energia sul mercato. “Il nostro portafoglio clienti – aggiunge il direttore, Paolo Giachino – è composto soprattutto da gruppi bancari e della grande distribuzione organizzata, e solo in minima parte da gruppi industriali. Questo ci ha consentito di mantenere stabili i volumi di energia venduti”.
Entrando nel dettaglio dei numeri, il valore della produzione è di 562milioni di euro (492 nel 2007), l’utile netto è di 70,65milioni di euro (61,66 nel 2007) e un patrimonio netto consolidato di 768,28milioni di euro (715,59 nel 2007).

Sul fronte degli investimenti, la Compagnia valdostana delle acque sta completando due centrali idroelettriche a Faubourg e Torrent sull’asta della Dora a La Thuile. I nuovi impianti, per i quali verranno spesi 60milioni di euro, saranno in grado di produrre 70milioni di chilowattora. Sono state presentate anche sette domande per nuove concessioni o per il potenziamento di impianti esistenti con un investimento di 340milioni di euro. Le nuove centrali potrebbero portare un’ulteriore produzione di 350-400milioni di chilowattora.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte