Comuni valdostani, il sovragettito IMU rimane allo Stato

La legge di stabilità pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale a fine 2012 prevede l’abrogazione della quota di IMU statale, ma un comma cambia le carte in tavola per Friuli Venezia Giulia, Valle d'Aosta e delle Province autonome di Trento e Bolzano.
Economia

L’IMU torna tutto ai Comuni? Non in Valle d’Aosta. La legge di stabilità pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale a fine 2012 prevede l’abrogazione della quota di IMU statale, con l’eccezione di una quota dovuta sui fabbricati di categoria catastale D (immobili commerciali, ndr). “Il comma 17 dell’articolo 13 del decreto – legge n. 201 del 2011 – si scopre però leggendo attentamente la legge – continua ad applicarsi nei soli territori delle regioni Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta e delle Province autonome di Trento e Bolzano”. In poche parole, il sovragettito rimane allo Stato.

Uno dei primi amministratori comunali ad accorgersi della postilla è stato il sindaco di Quart, Jean Barocco, che nel pomeriggio ha segnalato la questione su twitter. “Sembrerebbe arrivare un’altra scoppola dal trio lescano Bersani-Berlusconi-Monti ai comuni di VdA Sudtirol e FVG: l’Imu rimane interamente allo Stato”. Al telefono Barocco ha confermato di aver “scoperto la gabola iniziando a fare i calcoli per predisporre il bilancio comunale: ho chiesto lumi al Celva, senza però ricevere risposte esaurienti”.

Anche l’assessore al Bilancio del capoluogo regionale, Mauro Baccega, non ha preso bene la notizia: “Come al solito siamo trattati in maniera diversa rispetto al resto d’Italia. Questo Governo purtroppo ci ha abituato a cambi di rotta improvvisi, come il rinvio della Tares. E ne vedremo ancora delle belle”.  

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte