Concorso per 10 Vigili del Fuoco, revocato il test psico-attitudinale

Il test verrà, quindi, ripetuto da parte di tutti i 505 candidati ammessi al concorso per il reclutamento di dieci vigili del fuoco "al fine di riaffermare - spiega ancora la nota - l'imparzialità e la trasparenza della Regione".
Economia

L’annuncio è arrivato prima via twitter dal Presidente della Regione, Augusto Rollandin. Il test psico-attitudinale, nell’ambito del concorso per Vigili del Fuoco, sarà revocato. Come spiega una nota della Regione sussistono "giusti motivi di pubblico interesse, per avviare il procedimento". Il test verrà, quindi, ripetuto da parte di tutti i 505 candidati ammessi al concorso per il reclutamento di dieci vigili del fuoco (categoria B, Posizione B2) "al fine di riaffermare – spiega ancora la nota –  l’imparzialità e la trasparenza dell’ Amministrazione nella gestione della procedura concorsuale in questione, la quale non può essere messa in alcun modo in dubbio in considerazione della peculiarità della tipologia di tali procedure, ha attivato in data odierna le procedure per la revoca del test psico-attitudinale.

Il provvedimento si è reso necessario a seguito del ricorso al TAR della Valle d’Aosta e in particolare della segnalazione, pervenuta successivamente da parte della Società Giunti Organizzazioni Speciali, incaricata dell’elaborazione del test, di anomalia nel software di elaborazione delle risposte del test, che ha portato ad una errata valutazione dei giudizi di idoneità/inidoneità dei candidati e, conseguentemente, alla riproposizione delle procedure di correzione dei test, con l’approvazione di un nuovo elenco di candidati.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati