Si allarga la platea di quanti possono accedere a Fopadiva

Il fondo si apre anche ai lavoratori del privato che hanno rapporti professionali con la Regione, con l'Usl e con il Celva. E' questa la novità contenuta in un accordo siglato oggi in Regione.
Economia

Il fondo Fopadiva si apre anche ai lavoratori del privato che hanno rapporti professionali con la Regione, con l’Usl e con il Celva. E’ questa la novità contenuta in un accordo siglato oggi fra il Presidente della Regione, Augusto Rollandin, il direttore generale dell’Usl, Stefania Riccardi e l’amministratore di Fopadiva Valle d’Aosta, Stefano Distilli. 

"Le recenti manovre – ha spiegato il Presidente della Regione, Rollandin – comportano una progressiva riduazione delle coperture pensionistiche di base. Con questo accordo vogliano andare incontro ai lavoratori meno tutelati".

L’intesa siglata oggi prevede quindi che la Regione, l’Usl e il Celva adottino iniziative di sensibilizzazione verso i datori di lavoro affidatari di servizi e forniture di beni ed opere; stipulanti convenzioni con gli Enti stessi e le Società da essi partecipate,
affinché determinino le condizioni necessarie a garantire la possibilità di adesione volontaria da parte dei lavoratori dipendenti, che rientrino nelle categorie previste dalla L.R. 27/2006 e dallo Statuto, al Fondo pensione territoriale Fopadiva.

Inoltre le tre amministrazioni considereranno "quale aspetto qualificante ai fini dell’espletamento delle procedure di affidamento di servizi, forniture di beni ed opere da parte degli Enti stessi o della stipula di convenzioni con datori di lavoro terzi."

Attualmente gli iscritti al fondo Fopadiva sono 6700, i tre quarti dei quali appartengono al settore pubblico. Sull’andamento del fondo nel 2011 Distilli ha spiegato che "l’anno scorso è stato una anno tragico. Il comparto garantito ha avuto un rendimento dell’1%, quello prudente dello 0% mentre il dinamico ha segnato un -2,7%." Segno negativo che, secondo Distilli, sarebbe già tornato "al positivo nel mese di gennaio di quest’anno".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte