Tagli ai trasporti, i sindacati: “Si eviti una deriva inarrestabile sui servizi all’utenza”

Tornano a chiedere una conferenza regionale dei trasporti, "prima che si proceda ad assurde logiche dei tagli ai servizi", le Segreterie regionali Filt Cgil, Fit Cisl, Savt Trasporti e Uil Trasporti.
Stazione di Aosta
Economia

Tornano a chiedere una conferenza regionale dei trasporti, "prima che si proceda ad assurde logiche dei tagli ai servizi",  le Segreterie regionali Filt Cgil, Fit Cisl, Savt Trasporti e Uil Trasporti.

I sindacati il 21 settembre scorso hanno incontrato l’Assessore regionale ai Trasporti, Aurelio Marguerettaz in merito all’annosa questione dei lavoratori dell’Aeroporto Corrado Gex di Aosta ed in generale sulla situazione dei trasporti valdostani. In quell’occasione, in relazione a possibili tagli, le segreterie regionali hanno chiesto all’Assessorato un costante confronto preventivo, che "reputiamo necessario per analizzare e monitorare i vari servizi di trasporto in essere, onde evitare una deriva inarrestabile sui servizi all’utenza, gravi effetti e condizionamenti sull’occupazione".

Le questioni che i sindacati portano sul tavolo del confronto riguardano il mantenimento degli attuali livelli del servizio ferroviario dell’intera tratta valdostana, il consolidamento dell’offerta attuale e l’integrazione tra i vari servizi erogati sul trasporto pubblico locale, l’analisi sulle ipotesi di riduzione dei servizi infrasettimanali di trasporto impianti a fune e conseguente impatto negativo sull’offerta turistica invernale e inevitabili ricadute sui livelli occupazionali.

Sulla linea ferroviaria infine i sindacati chiedono "urgentemente risorse per gli interventi di manutenzione della infrastruttura di competenza di Rfi" per "garantire il pieno ed efficiente mantenimento in esercizio del servizio ferroviario, compresa l’Aosta – Pré-Saint Didier, la regolarità degli orari e delle coincidenze".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Economia
Economia