Vigili del Fuoco, il M5S chiede al Governo la riunificazione del corpo valdostano a quello nazionale

In particolare i tre deputati Luigi di Maio, Massimiliano Bernini e Luca Frusone chiedono al governo "un'urgente iniziativa che porti alla unificazione del Corpo valdostano e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco".
Economia

Dopo il Conapo, il sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco, a chiedere la riunificazione del corpo valdostano con quello nazionale, è il M5S. I grillini hanno presentato un’interrogazione a risposta scritta. In particolare i tre deputati Luigi di Maio, Massimiliano Bernini e Luca Frusone chiedono al governo "un’urgente iniziativa che porti alla unificazione del Corpo valdostano e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco". Nell’attesa propongono "un ‘accordo quadro’ tra lo Stato e la Regione" per "iniziare un processo di integrazione operativa e accorpamento degli acquisti, con indubbio vantaggio in termini di efficienza e risparmio della spesa pubblica". 

L’iniziativa ricorda come "anche la maggioranza del personale del ‘Corpo Valdostano dei vigili del fuoco’, si è dichiarato favorevole al passaggio nel ‘Corpo Nazionale dei vigili del fuoco’". Da tempo il sindacato denuncia un trattamento previdenziale e pensionistico penalizzante per il corpo valdostano. Secondo i parlamentari pentastellati, "il subentro dello Stato nei servizi antincendi e di soccorso pubblico della Valle D’Aosta (come già esistente sino al 1999) non avrebbe nessuna ricaduta negativa sulla sicurezza dei cittadini valdostani, ma potrebbe invece costituire, previ opportuni accordi Stato-Regione, una opportunità sia per i vigili del fuoco valdostani (che si troverebbero equiparati ed integrati con quelli statali), sia per la Regione autonoma Valle D’Aosta e per i propri cittadini (che si troverebbero a non dover sostenere gli onerosi costi dei servizi antincendi e di soccorso pubblico)". 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati