Bruno Giordano festeggia: “Gli aostani hanno premiato il nostro progetto del fare”

Fra le priorità del neo primo cittadino c’è il restyling del sito del comune, e la “revisione della macchina amministrativa che deve iniziare a funzionare molto bene da subito”.
Da sx Giordano e Follien
Politica

Scongiurata ampiamente una delle ombre della vigilia, il rischio del ballottaggio, Bruno Giordano e Alberto Follien si apprestano a guidare il capoluogo regionale a capo di una coalizione che porta a casa il 59,72%. Nell'insieme la coalizione formata da Union Valdotaine, Fédération autonomiste, Stella Alpina, Popolo della Libertà e Lega totalizzano 10858 voti.

"Gli aostani hanno premiato il nostro progetto del fare" è il primo commento di Giordano appena entrato in sala stampa, una volta giunti i risultati definitivi. Fra le priorità del neo primo cittadino c'è il restyling del sito del comune, che deve seguire le aspirazioni di un comune a vocazione turistica. In secondo luogo l'obiettivo della nuova amministrazione, come già detto durante la campagna elettorale, è la "revisione della macchina amministrativa che deve iniziare a funzionare molto bene da subito".

Anche se con una percentuale alta, la coalizione guidata da Giordano ha perso dei voti per strada, cinque anni fa Grimod aveva totalizzato 11.851 voti. "Parte dell'astensionismo arriva anche dall'Union valdotaine – dice Alberto Follien da oggi vicesindaco – abbiamo impiegato tempo per spiegare i motivi della nuova coalizione. Ora possiamo recuperare.

"In tutti i comuni della Valle – ha dichiarato il presidente della Regione, Augusto Rollandin, che in questa campagna si è speso in prima persona – la risposta è stata positiva, in alcuni il risultato si può dire perfino insperato. Tranne in pochi casi, le amministrazioni uscenti sono state riconfermate". "Il risultato politico più importante – ha aggiunto Rollandin – è sicuramente Aosta. Era una scommessa, non facile da spiegare soprattutto in una campagna piena di attacchi, spesso truffaldini. La bella risposta ci incoraggia a lavorare sempre di più. E' passata la logica che è importante che vi sia sintonia fra Amministrazione regionale e comunale

Per dare il segno della continuità, ad accompagnare il nuovo sindaco e il vice in sala stampa è arrivato quello uscente, Guido Grimod: "Siamo soddisfatti per il risultato ottenuto, soprattutto dai candidati sindaco e vice. Abbiamo vinto perché avevamo un progetto politico un passo avanti rispetto agli altri: innovativo e condiviso. Malgrado gli attacchi sui nostri progetti, soprattutto sul, metrò, gli aostani ci hanno detto che è questo che vogliono. Ora mi auguro che anche l'opposizione si impegni per condividere tali progetti. Risultato soddisfacente anche per il movimento nonostante i problemi interni e l'opposizione a determinate candidature, grande soddisfazione infine per i miei consiglieri di Stella Alpina".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte