Col de Joux, la Giunta Borgio ci ripensa sul Fiabosco: revocata la delibera

Nel frattempo, ad inizio ottobre, la Giunta comunale ha deciso di affidare una consulenza all'Università della Valle d'Aosta per valutare la sostenibilità economica degli impianti di risalita nell’area del Col de Joux, alla luce degli investimenti necessari per mantenere in funzione gli impianti.
Stazione sciistica del Col de Joux. Fonte: Skilife, il portale dello sci in Valle d'Aosta.
Politica

Dietrofront. Dopo le polemiche dei giorni scorsi, sul futuro del Col de Joux, la Giunta comunale di Saint-Vincent torna sui propri passi. E’ di ieri una delibera con cui il Governo cittadino revoca la concessione e gestione delle attrezzature dell’area ricreativa del Col di Joux e dell’annesso bar/ristorante alla Merak srl con sede a Savigliano, che nei mesi scorsi aveva proposto all’Amministrazione comunale il progetto del “Fiabosco”.

Il perché della retromarcia è spiegato nell’atto. “La giunta ha ritenuto per motivi di opportunità di fare una nuova e diversa valutazione delle esigenze di interesse pubblico presupposte per l’adozione dell’atto originario”. In particolare gli approfondimenti condotti hanno portato l’Amministrazione comunale a decidere di “differenziare la proposta di utilizzo in concessione dei beni immobili comunali siti all’interno ed esterno del comprensorio sciistico del Col de Joux; favorire “processi partecipati” finalizzati alla riqualificazione degli immobili per svolgere attività compatibili con la valorizzazione degli stessi mediante il loro affidamento in concessione; garantire la massima trasparenza e pubblicità dell’azione amministrativa ed avviare una manifestazione di interesse finalizzata ad individuare la disponibilità di altri soggetti interessati all’ utilizzo dei predetti immobili comunali, anche con una nuova e diversa idea progettuale”

Nel frattempo, ad inizio ottobre, la Giunta comunale ha deciso di affidare una consulenza all’Università della Valle d’Aosta per valutare la sostenibilità economica degli impianti di risalita nell’area del Col de Joux, alla luce degli investimenti necessari per mantenere in funzione gli impianti.

L’incarico, del valore di quasi 14mila euro, verrà svolto sotto la guida del professor Marco Alderighi.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica