Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 7 Dicembre 2015 0:00

Ex Hotel Lanterna, Rollandin: “Pronti a chiedere il rilascio dell’immobile da parte del Ministero”

Aosta - L'ex Hotel Lanterna di Saint-Pierre è stato individuato dal Governo come hub per l'accoglienza dei migranti. Rollandin: "Senza risposte da parte del Ministero chiederemo l’esecuzione della sentenza di Torino"

L'ex Hotel Lanterna a Saint-Pierre

Senza risposte da parte del Ministero la Valle d'Aosta chiederà l’esecuzione della sentenza di Torino che ha previsto il rilascio dell’ex Hotel Lanterna di Saint-Pierre. A dirlo in una nota è il Presidente della Regione Rollandin che interviene sulla decisione del Governo di destinare a hub per l'accoglienza migranti l'immobile.

"Spiace essere arrivati a questo punto, soprattutto per l’assenza di attenzione da parte degli uffici ministeriali che hanno dimostrato di voler ignorare ogni rapporto costruttivo con le realtà territoriali. Questo indipendentemente dagli esiti del contenzioso sulla proprietà e, soprattutto, in un settore così delicato, che, se non gestito con buonsenso ed equilibrio, rischia quantomeno di creare tensioni nella comunità e, ancora, di generare criticità per i migranti già ospitati in Valle" scrive il Presidente della Regione. 

L’ipotesi di realizzare un "hub" regionale presso l’Hotel Lanterna era già stata ventilata a giugno dal Prefetto Mario Morcone, Capo del dipartimento libertà civili e immigrazione, in occasione di un incontro in seno alla Conferenza delle Regioni tra il Ministro dell’Interno e i Presidenti delle Regioni e delle Province autonome per l’esame delle problematiche relative al sistema di accoglienza dei migranti. "Già in quella sede – aggiunge Rollandin – ho evidenziato l’assoluta inadeguatezza della struttura ad accogliere qualsiasi persona e avevo rappresentato la richiesta che la Presidenza della Regione e il Comune di Saint-Pierre fossero comunque informati su qualsiasi iniziativa relativa all’immobile, tanto più che il Tribunale di Torino nel settembre 2014 aveva sancito che il Ministero dell’Interno non fosse il legittimo proprietario del complesso".

Considerazioni, conclude il Presidente, ribadite al Ministero con una lettera di fine ottobre 2015, dopo che l’ex Lanterna appariva nella road map sottoposta alla Commissione europea per i Centri di accoglienza migranti.

 

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>