Politica

Ultima modifica: 10 Agosto 2019 9:16

Frana Quincinetto, il 3 settembre “riunione urgente” a Roma per “aggravamento situazione”

Aosta - Una convocazione che fa seguito al diniego da parte del Consiglio dei Ministri di concedere lo stato di emergenza, chiesto dalla Regione Piemonte, sulla frana in quanto "la situazione è già nota e monitorata". 

Frana A5, le code a Pont-Saint-Martin (foto dei vigili del fuoco volontari di PSM)Frana A5, le code a Pont-Saint-Martin (foto dei vigili del fuoco volontari di PSM)

La missiva ricevuta oggi dal Presidente della Regione, Antonio Fosson, parla di “aggravamento della situazione“. Sarebbe questa la ragione per cui il Dipartimento di Protezione civile ha convocato per il prossimo 3 settembre una “riunione urgente” a Roma con tutti i soggetti coinvolti nella gestione della frana in località Chiapetti a Quincinetto.

Una convocazione che fa seguito al diniego da parte del Consiglio dei Ministri di concedere lo stato di emergenza, chiesto dalla Regione Piemonte, sulla frana in quanto “la situazione è già nota e monitorata”.

“Siamo dispiaciuti che non sia stato riconosciuto lo stato di emergenza” dice oggi il Presidente Antonio Fosson, a margine della conferenza stampa di Giunta. “I finanziamenti ci sono e bisognerà spenderli”. La dichiarazione dello stato di emergenza avrebbe consentito procedure amministrative più snelle e veloci. “Siamo contenti comunque di questa convocazione urgente perché sta a significare che si vuole arrivare ad una soluzione del problema, che non è solo legato alla frana, ma anche alla viabilità”.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>