Politica di Silvia Savoye |

Ultima modifica: 19 Giugno 2018 17:06

Giulio Fiou lancia Azimut: “Ci sono responsabili nel PD per la svolta a destra dell’UV”

Aosta - L'associazione culturale politica dell'ex consigliere regionale della Gauche Valdôtaine nasce per stimolare l'elettorato di cento-sinistra, e stuzzica il PD. Aderisce anche Paolo Momigliano Levi

Da sx Congiu, Fiou, Micotti e Millet

"Il riposizionamento dell'Union Valdôtaine non è improvviso, ma è iniziato da alcuni anni, e i segnali erano evidenti". Giulio Fiou, assieme a Ruggero Millet, Terenzio Congiu e Carla Micotti, vedova di Demetrio Mafrica, presenta l'associazione Azimut, e sferza gli ex dirigenti DS e quelli attuali del PD: "Nel 2008, l'UV ha abbandonato i DS, ma ci sono responsabili anche tra i dirigenti DS di allora".
"Il PD, nei mesi scorsi – prosegue Fiou – ha adottato un atteggiamento perlomeno molto attendista. Dopo questa fase, si è scelta una soluzione inspiegabile non per le persone scelte, ma perché costruita sul vuoto".

I Democratici, secondo Fiou, non ha scelto "né la continuità, né un forte progetto per il futuro, su cui costruire il futuro della città. Il PD, a causa forse di equilibrismi interni, ha un profilo debole che delude il proprio elettorato e favorisce il disegno UV". L'ex consigliere regionale, che non ha mai aderito al Partito Democratico, ne ha anche per il partito di maggioranza relativa in Regione: "Quella verso destra è una scelta che squalifica la vocazione dell'UV, partito mito dell'autonomismo. Aosta è il primo passo per preparare elettorato unionista riluttante alle future scelte in Regione di alleanza con le destre".

"Le decisioni vengono prese nelle sedi dei partiti, e poi fatte digerire alla gente – prosegue l'ex DS – e la non partecipazione spegne la democrazia". Lo slogan di Azimut, che è aperta a tutte le sensibilità all'interno del centro-sinistra, ma che "potrà accogliere personalità di altre aree", è "Per ritrovare la rotta", e l'intento è di riavvicinare le persone alla politica: la presentazione a dieci giorni dal voto delle elezioni comunali va nella logica di contrastare l'astensionismo.

All'incontro, mercoledì 12 maggio presso il CSV, hanno partecipato tutti i principali dirigenti regionali del PD, a partire dal segretario Donzel. Tra i primi ad aderire al progetto, anche Paolo Momigliano Levi, capolista di "Sinistra per la città" al prossimo appuntamento elettorale, che aderisce al manifesto e allo statuto perché "dopo la svolta a destra dell'UV, mi sarei auspicato un'unione di tutte le sinistre democratiche, per fronteggiare meglio un futuro incerto e dare un'alternativa ai cittadini".

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo