Il Comune di Verrès elimina le zone blu

Da oggi soppressi i cento stalli a pagamento presenti in paese e sostituiti con zone a disco orario. Giovenzi: «Diamo una mano ai commercianti». Il Comune gestirà direttamente il parcheggio seminterrato di fronte al municipio.
Un parchimetro ad Aosta
Politica

Da oggi, lungo le strade di Verrès, non ci saranno più parcheggi a pagamento. «Non abbiamo ancora avuto modo di togliere le strisce blu, ma le colonnine dei pagamenti non sono più in funzione – spiega il sindaco Alessandro Giovenzi – e stiamo già installando la segnaletica verticale per indicare le zone con disco orario».

Un centinaio di stalli diventano perciò bianchi e si potrà sostare per un’ora nel parcheggio di piazza XXV Aprile, compreso nel primo piano del parcheggio interrato, e nella piazzetta “Chez Pierre”. Nelle vie e nelle piazze del centro il limite sarà mezz’ora, «per favorire meglio il ricambio nelle aree più congestionate», mentre in piazza Don Carlo Boschi sarà di due ore e in via Cretier due giorni.

«I residenti che vorranno – spiega Giovenzi – potranno sottoscrivere un abbonamento di circa 20 euro l’anno per non dover usare il disco orario». I parcheggi a pagamento portavano al Comune circa 7 mila euro l’anno, ma l’Amministrazione ha scelto di non rinnovare il contratto, scaduto lo scorso 30 giugno, con l’azienda Gestopark, che gestiva il servizio.

Nella delibera di Giunta emerge come ci fosse «la necessità di rinnovare tutti i parcometri in quanto obsoleti e ormai privi di pezzi di ricambio con notevoli aggravi di costi e la revisionein aumento delle tariffe». «Allora abbiamo deciso di gestire noi i 50 stalli del parcheggio multipiano di fronte al municipio – spiega Giovenzi – in questo modo guadagnamo 8 mila euro l’anno che prima prendeva la ditta».

«Lo scopo di questa decisione – conclude il sindaco – è quello di dare un mano ai commercianti».

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica