Il Consiglio comunale torna a riunirsi dopo la pausa estiva

Approvato il progetto preliminare per la sistemazione del lato ovest del cimitero che prevede la costruzione di una pista ciclabile di raccordo a via Piccolo San Bernardo e alla SS 26 e la costruzione di una strada di servizio al Tempio crematorio.
Carlo Ferina (a dx) torna in Consiglio comunale
Politica
225 mila euro è il costo dei lavori di sistemazione del lato esterno ovest del cimitero di Aosta che prevedono tra l’altro la  costruzione di una strada di servizio di accesso al tempio crematorio e di una pista ciclabile di raccordo a via Piccolo San Bernardo e alla Statale 26. La delibera è stata approvata oggi 23 settembre, dal Consiglio comunale di Aosta.
Come ha spiegato il relatore della terza commissione, il Consigliere Stefano Borrello, “è questo un intervento migliorativo rispetto all’attuale situazione che vede i vari mezzi comunali passare davanti all’ingresso principale per raggiungere il tempio crematorio”

L’intervento, ha spiegato l’Assessore comunale ai Lavori pubblici, Alberto Follien, si raccorda ad un altro progetto del Comune di Sarre che ha in programma, davanti alla locanda "Carla" di realizzare una rotonda e nell’area verde adiacente, un parcheggio per i camper. I lavori per il Comune di Aosta, dovrebbero essere realizzati nella primavera del 2009 mentre più lunghi dovrebbero essere i tempi di realizzazione degli interventi per il Comune di Sarre.

Il Consiglio comunale di Aosta, tornato a riunirsi dopo la pausa estiva, in apertura della seduta ha preso atto del passaggio del consigliere, Tonino Zaffettieri dal Gruppo della Fédération autonomiste alla nuova Dc, assumendo inoltre l’incarico di capogruppo del gruppo misto in Consiglio, mentre la guida del gruppo della FA è stata presa da Antonello Parisi.
Altro passaggio di consegne approvato dal Consiglio è stato quello tra Ezio Riccio e Giorgio Lorenzini alla presidenza della seconda commissione consiliare, dopo che il consigliere Riccio aveva rassegnato le proprie dimissioni “per gravosi impegni lavorativi”.

Tra gli altri interventi approvati dal Consiglio, un contributo di 4 mila e 300 euro, per lo studio di fattibilità presentato dal comune di Kaolack e relativo alla ristrutturazione di 14, degli attuali 18 posti sanitari (ambulatori, presidi ospedalieri), con l’obiettivo di  decentralizzare e ridurre flussi dell’unico ospedale che serve il comune di 250 mila abitanti.
Il costo totale dell’operazione di ristrutturazione si aggira sui 750 mila euro che saranno suddivisi tra l’Associazione dei comuni francofoni, altre associazioni e il Comune di Aosta.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte