In vista nuovi referendum per l’annessione alla Valle: cinque comuni pronti a lasciare il Piemonte

Enti locali sul piede di guerra contro i tagli del Governo. Domani, giovedì 25 novembre, l’Associazione comuni confinanti annuncerà una nuova ondata di consultazioni popolari. Saranno presenti i sindaci di Locana, Ceresole, Noasca, Ronco e Valprato.
Carema
Politica

I comuni delle Valli Orco e Soana, in Piemonte, vogliono tornare alla carica. I tagli alle risorse degli enti locali provocano un’attrazione fatale verso le regioni a Statuto Speciale. Già Noasca, nel 2006, e Carema, nel 2007, avevano fatto un referendum per chiedere l’annessione alla Valle d’Aosta. E la risposta dei cittadini, in entrambi casi, era stata un “sì” a larga maggioranza.

Comuni sul piede di guerra

Ora i comuni di confine sono nuovamente sul piede di guerra in varie zone d’Italia. A giugno molti primi cittadini si erano presentati ad Arcore davanti alla villa di Berlusconi vestiti con la fascia tricolore per protestare contro i salassi imposti alle loro amministrazioni. E domani, giovedì 25 novembre, l’Associazione comuni confinanti ha indetto una conferenza stampa per annunciare una nuova forma di protesta. “Se lo Stato non ci considera, noi ce ne andiamo, facciamo i referendum di annessione e ci spostiamo dove l’erba è più verde 365 giorni all’anno – afferma il segretario generale dell’associazione, Nicola Adriano  – dieci Comuni piemontesi, lombardi e veneti il 25 novembre iniziano l’iter referendario previsto dalla Legge. – Altri dieci il mese successivo e così via ed in breve tempo modificheremo tutti i confini geografici di tutte le Regioni del Nord e dovranno rifare tutte le cartine geografiche dei testi di scuola. Se non avremo giustizia sociale e la dovuta attenzione, ce la prenderemo per conto nostro”.

“Di la c’è l’America e di qua l’Argentina”

All’iniziativa prenderanno parte anche i sindaci di Locana, Ceresole, Noasca, Ronco e Valprato. Cinque comuni che si trovano appena al di là del confine Sud della Valle d’Aosta, appena oltre il Gran Paradiso. “Di la c’è l’America e di qua l’Argentina – è la considerazione ad effetto del presidente dell’Associazione comuni confinanti, il bresciano Marco Scalvini – a noi rimane solo l’onere di chiudere gli asili, le biblioteche, le scuole, vedere il lento invecchiamento delle nostre genti e vedere l’abbandono del territorio subendo l’impoverimento economico”.

La fine di un sogno

Le speranze di Carema e di Noasca si erano spente a maggio del 2008 quando, con lo scioglimento delle Camere, la Corte costituzionale aveva dichiarato la cessazione della materia del contendere sui giudizi promossi dalla Regione contro i disegni di legge costituzionale per il distacco e aggregazione. L’amministrazione regionale non si era mai fatta sedurre dall’idea di una “Grande Valle d’Aosta” che andasse oltre i confini attuali. “Per fare l’amore bisogna essere in due” soleva ripetere l’allora presidente della Regione, Luciano Caveri.

Ora, però, la schiera dei pretendenti si allarga. Ed è quanto mai agguerrita.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte