Migranti, arriva l’avviso per l’affidamento del servizio di accoglienza di 50 profughi

L'accoglienza, da metà luglio e fino a fine anno, di un numero presumibile di 50 profughi, oltre ai 62 già accolti in Valle d’Aosta, sino ad un massimo di 141 persone.
Politica

Lo aveva anticipato in occasione della visita in Valle d’Aosta del Premier Matteo Renzi – "la Valle d’Aosta si sta attrezzando per accoglierli"  – e oggi il Presidente della Regione Rollandin durante la tradizionale conferenza stampa di Giunta del venerdì, ha annunciato la pubblicazione di un avviso pubblico per l’affidazione del servizio di accoglienza in favore di cittadini stranieri. 

La procedura riguarda l’individuazione dei soggetti da invitare (enti pubblici, fondazioni o associazioni riconosciute) che siano in possesso di specifici requisiti e che abbiano disponibilità di strutture idonee in Valle d’Aosta, attraverso le quali assicurare l’accoglienza di un numero presumibile di 50 profughi, oltre ai 62 già accolti in Valle d’Aosta, sino ad un massimo di 141 persone. Quota quest’ultima assegnata alla Valle d’Aosta a livello ministeriale. 

"L’avviso è incentrato, come richiesto dalle normative in vigore, sull’accoglienza vera e propria, non limitata pertanto a vitto e alloggio, ma quindi intesa come integrazione e formazione rivolta ai migranti" ha spiegato il Presidente Rollandin. Ai soggetti interessati dalla preselezione si chiede la disponibilità ad accogliere i profughi –  a partire dalla metà di luglio e fino a fine anno e nel caso di ingenti afflussi anche per il 2016 –  in gruppi ridotti per struttura ricettiva, da un minimo di 10 a un massimo di 25

"Le politiche di accoglienza sono di natura strettamente prefettizia in Valle ma noi cerchiamo di tenere conto del contesto dove vanno a insediarsi" ha aggiunto Rollandin.  L’importo stimato per il servizio è di 834mila euro, soldi stanziati dal Ministero. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica