Nicco su processo breve: “ennesima leggina “ad Berlusconem”

Secondo il deputato valdostano “La strada imboccata dal Governo porta all’invito, all’esaltazione a mettere in campo pratiche dilatorie in funzione proprio della prescrizione. Tra indulti, processi brevi e prescrizioni qui siamo al libera tutti!"
Il deputato Roberto Nicco
Politica

“Siamo, ancora una volta, l’ennesima, provocatoriamente, a discutere di una leggina “ad personam”, o meglio “ad Berlusconem”, e non della riforma della Giustizia. Siamo al Parlamento piegato alle sue ossessioni giudiziarie.” Cosi il deputato valdostano Roberto Nicco,  è intervenuto oggi alla Camera dov’era in discussione il cosiddetto “processo breve”

“Dietro un titolo accattivante – ha sottolineato Nicco –  “Misure per la tutela del cittadino contro la durata indeterminata dei processi”, con alti richiami alla Costituzione e alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, sta una realtà molto prosaica, già ampiamente richiamata da molti colleghi, quella di far prescrivere uno dei più rilevanti processi a carico del Presidente del Consiglio, quel processo Mills in cui egli è imputato per corruzione in atti giudiziari. Oltretutto con effetti gravi sull’intero ordinamento.”

Secondo il deputato valdostano “La strada imboccata dal Governo porta all’invito, all’esaltazione a mettere in campo pratiche dilatorie in funzione proprio della prescrizione. Tra indulti, processi brevi e prescrizioni qui siamo al libera tutti! Anzi, al libera tutti per liberarne uno! Mentre per il cittadino onesto al danno si unisce la beffa.”

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica