Nuv, Casinò e Telcha tornano al centro dei lavori del Consiglio regionale

Il consiglio regionale è convocato per domani, martedì 22 e mercoledì 23 marzo.
Consiglio regionale
Politica

I lavori di Telcha, le presunte violazioni nella produzione dell’energia elettrica, la situazione della Chambre Valdôtaine des entreprises e ancora la destinazione di Palazzo Narbonne. Sono alcuni dei temi che saranno al centro da domani del Consiglio regionale convocato con un ordine del giorno composto di 37 oggetti, tra cui 10 interrogazioni, 19 interpellanze e 2 mozioni.

I consiglieri saranno chiamati a nominare il Collegio dei revisori del rendiconto generale della Regione per l’esercizio 2015 e a discutere del Piano regionale giovani, che ha ottenuto il parere favorevole a maggioranza dalla competente commissione, con l’astensione del gruppo Alpe.

La tipologia di contratto di inquadramento che verrà fatto agli operai elettricisti che saranno assunti dalla Compagnia valdostana delle acque è una delle interrogazioni presentate congiuntamente da Alpe e M5S.

Sempre il gruppo Alpe porterà in aula la riattivazione di un servizio di trasporto pubblico serale a chiamata accessibile alle persone con disabilità motoria e agli utenti sordomuti; la tempistica per l’erogazione degli assegni di studio 2014-2015 agli studenti iscritti a corsi universitari; la tempistica per l’accesso al Pronto soccorso dei pazienti affetti da ictus cerebrale e l’individuazione degli obiettivi per la determinazione delle prestazioni energetiche del patrimonio edilizio della regione.

Il Movimento 5 Stelle ha iscritto quattro interrogazioni: spese per l’attività di addestramento dei Vigili del fuoco; spesa sostenuta dall’Amministrazione regionale nel 2015 per il finanziamento dell’attività svolta dalla Fondazione Film Commission Valle d’Aosta, costi sostenuti per interventi di manutenzione a varie strutture della Casa da gioco e l’eventuale chiusura della Chambre. Di un piano per contrastare l’uso di sostanze stupefacenti chiederà conto Uvp. 

Delle interpellanze, 10 sono presentate dal gruppo Alpe: coinvolgimento della cittadinanza nella fase preparatoria di revisione del Piano regionale di tutela delle acque; tempistica per la realizzazione dell’intervento di ristrutturazione del Liceo Bérard ad Aosta; modalità operative per la riorganizzazione del sistema bibliotecario regionale; azioni intraprese dall’Amministrazione regionale per onorare gli impegni assunti con gli abitanti di La Palud di Courmayeur in relazione alla costruzione del vallo di protezione; individuazione di giovani neolaureati da assegnare alle Unités des Communes a sostegno degli operatori rurali per lo sfruttamento delle risorse previste nel nuovo Piano di sviluppo rurale; riorganizzazione da parte dell’Azienda Usl della Struttura complessa di medicina e chirurgia d’urgenza e accettazione; motivazioni della gestione unitaria della rete wireless "VdA All Broadband" e delle condizioni economiche della concessione di proprietà; iniziative per l’introduzione dei sistemi informatici "Open Source" nelle scuole; individuazione della destinazione d’uso per l’alienazione dell’immobile denominato "Palazzo Narbonne" in Aosta; nomina dei rappresentanti della Regione in seno alla Fondazione Film Commission Vallée d’Aoste.

Cinque le interpellanze presentate dai grillini: affidamento diretto di lavori al Consorzio stabile Gecoval di Saint-Vincent e adozione di eventuali provvedimenti di revoca delle concessioni di derivazione d’acqua nei confronti dei soggetti responsabili di violazione di disposizioni in materia di produzione di energia elettrica, interventi di bonifica effettuati dalla società Cva a tutela del personale che ha operato all’interno della centrale di Montjovet dal 1992, sollecito nei confronti degli enti e delle società controllate dalla Regione ad utilizzare i servizi forniti dalla società Inva, l’accoglimento di significative migliorie al progetto di riqualificazione della viabilità sulla Strada statale 26 tra Aosta e Quart.

Le interpellanze depositate dal gruppo Union Valdôtaine Progressiste sono quattro: subordinazione della proroga dei contratti in materia di trasporto pubblico di linea al mantenimento dell’occupazione attuale; criteri adottati per l’inserimento delle opere nel piano di settore degli interventi a favore degli Enti locali per l’adeguamento e la realizzazione di opere minori di pubblica utilità; interventi per la razionalizzazione delle spese di gestione della società Nuova Università Valdostana; interventi presso la società Telcha per la presentazione di un piano lavori per il 2016 condiviso e meno impattante per cittadini e operatori commerciali.

La minoranza ha iscritto due mozioni, la prima è volta all’istituzione di un tavolo di lavoro per coordinare gli orari scolastici e di trasporto per l’anno scolastico 2016-2017 mentre la seconda impegna il Governo regionale a relazionare alla competente Commissione consiliare in merito al ricorso al Tar della società Rar contro il blocco degli aumenti delle tariffe autostradali.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica