Per giugno 2012 potrebbero terminare i lavori alla Torre dei Balivi

La conferma arriva dall’assessore all’Istruzione Laurent Viérin durante il Consiglio regionale di oggi, mercoledì 26 maggio, rispondendo a Gianni Rigo del Partito Democratico.
Torre dei Balivi
Politica

E' prevista a giugno del 2012 la fine dei lavori di ristrutturazione della Torre dei Balivi ad Aosta, ma nella sede di via Guido Rey troveranno spazio solo la Fondazione istituto musicale e le attività di Sinfonica. La Scuola di orientamento musicale dovrà restare nell'attuale sede, in via San Giocondo.

La conferma arriva dall'assessore all'Istruzione Laurent Viérin durante il Consiglio regionale di oggi, mercoledì 26 maggio, rispondendo a Gianni Rigo del Partito Democratico.

In aula Rigo ricostruisce la vicenda della ristrutturazione della Torre. E il suo racconto assomiglia molto ad una storia infinita. Fino al 1984 l'edificio ospita il carcere regionale, ma solo nel 1999 viene affidato il primo incarico per la progettazione definitiva. La spesa prevista era, allora, di 3milioni 873mila euro. Nel 2002 i lavori prendono il via ma iniziano anche i contenziosi. Successivamente il progetto pensato sulla carta sembra difficilmente realizzabile in concreto. Nel 2006 emergono nuove esigenze per valorizzare alcuni aspetti di questo bene culturale e l'importo dei lavori sale a 8milioni 450mila euro.

"L'assessore sa bene che c'è una certa premura – ha detto Rigo – la relazione sull'attività svolta dalla Fondazione istituto musicale presenta bene il quadro della situazione. 14 aule accolgono 1.100 allievi".

"Non escludo che si possa discutere della dislocazione delle sedi della formazione musicale in quinta commissione consiliare – ha replicato Viérin – e non escludo che si possa immaginare un accordo con l'università della Valle d'Aosta per ottenere una sede alla Testafochi".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte