Pirogassificatore, Zublena: “Ad oggi spesi 2 milioni e 400 mila euro circa”

Sui costi della procedura di appalto per il pirogas, Zublena ha spiegato come dopo il 4 ottobre 2011, data in cui la richiesta dell'opposizione di moratoria della gara era stata rigettata, sono stati spesi 270mila euro.
Politica

Aspettando di eleggere la Commissione speciale, il Consiglio Valle torna ad infiammarsi sul tema dei rifiuti. La prima querelle riguarda la revoca dell’appalto per il pirogassificatore. "Perché – chiede Roberto Louvin di Alpe – l’Assessorato all’Ambiente nelle comunicazioni parla di "casi eccezionali in cui potranno essere prorogati i termini per l’offerta".

Risponde Zublena: "Si tratta di una cautela amministrativa, visto che la legge, pubblicata nel Bollettino ufficiale della scorsa settimana, entrerà in vigore dopo il 13 dicembre. "

L’Assessorato all’Ambiente spiega poi i costi sostenuti dalla Regione per la procedura di appalto del pirogassificatore. In particolare, dopo il 4 ottobre 2011, data in cui la richiesta dell’opposizione di moratoria della gara era stata rigettata, sono stati spesi 270mila euro mentre dal 2005, data in cui i trattamenti a caldo dei rifiuti hanno iniziato a essere studiati, e fino al 4 ottobre 2011 sono stati impegnati 2 milioni e 100 mila euro.

"Le accuse di aver fatto spendere alla Regione dei soldi che potevano essere risparmiati – ha sottolineato Zublena –  meritano di essere poste però in termini diversi, guardando alla cronologia dei fatti." L’Assessore torna quindi alla carica, accusando l’opposizione, da una parte di essersi astenuti e dall’altra di aver poi cambiato idea sulla scelta del pirogassificatore.

"E’ finita la campagna elettorale mettiamoci a ragionare." ha ribattuto Raimondo Donzel mentre Roberto Louvin ha aggiunto "Sono tutte sue le responsabilità per essere andata avanti con la procedura di appalto, a noi compete che da adesso in poi non si spenda più neanche una lira per un provvedimento che non doveva essere fatto. Fermate le macchine, subito, senza altro dubbio e non lasciate che ci siano eventi eccezionali che possano consentire la proroga per i termini delle offerte. "

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte