Stallo Governo, Spelgatti: “O mozione di sfiducia o nuove elezioni”

Dal Presidente del Consiglio regionale Antonio Fosson un richiamo al rispetto delle istituzioni, rivolto in primis alla Presidente Spelgatti.
Nicoletta Spelgatti, Presidente della Regione
Politica

“Non si può lavorare in questa situazione di stallo” e ancora “vi invito a fare una mozione di sfiducia costruttiva” oppure “torniamo alle urne”.  La situazione dell’attuale maggioranza torna ad aprire i lavori del Consiglio regionale.

A portare in aula gli scontri apparsi nei giorni scorsi sui social e sui media, è stato il Presidente del Consiglio regionale Antonio Fosson che ha fatto un richiamo al rispetto delle istituzioni.  Richiamo rivolto in primis alla Presidente della Regione.

“Il nostro ruolo è quello di rappresentare la comunità, lavorando per il bene e l’interesse generale della collettività, per difendere il nostro particolarismo, per lo sviluppo del nostro territorio” ha detto in aula Fosson. “I cittadini si aspettano delle risposte e ci sono dei dossier molto dedicati da affrontare, che impongono un lavoro serio e un clima di serenità”.

“Facciamo sì che la nostra istituzione  – ha esortato il Presidente  – sia un modello e un esempio di impegno, equità e dialogo e di rapporto personali corretti e rispettosi. Perché il rispetto per la nostra istituzione passa per quello che siamo e che diciamo.”. Fosson si è quindi rivolto a Spelgatti, nel suo doppio ruolo di Presidente  e Prefetto. “Deve pesare le parole con un’attenzione particolare. Così come gli assessori e i consiglieri”.

Il richiamo di Fosson  ha trovato a stretto giro una risposta.

“Il rispetto è qualcosa che si guadagna sul campo” ha fatto notare Spelgatti ricordando il “processo” organizzato nelle scorse settimane nei confronti di Aggravi e dei dirigenti regionali.

Contro il primo una parte della maggioranza e della minoranza ha lavorato ad una mozione di sfiducia ma “poi non c’erano i numeri”. Situazione che si sta riproducendo anche per la mozione di sfiducia costruttiva. “Vi invito a farla, da questa situazione di stallo bisogna uscire, o c’è la possibilità di guardare avanti e lavorare oppure organizzatevi e costruite questa maggioranza alternativa”.

L’alternativa per Spelgatti è il ritorno alle urne. “L’unica cosa seria da fare è rassegnare le dimissioni, ma per farlo bisogna essere in 18, e io non sarà la prima perché altrimenti si aprono i 60 giorni dove voi, sono certa, con senso di grande responsabilità troverete la quadra delle poltrone”.

La Presidente della Regione ha, quindi, spiegato come i consiglieri della Lega non hanno “paura di tornare al proprio lavoro e di non esser rieletti”. Infine un attestato di stima è arrivato al nuovo Presidente dell’Uv, Erik Lavevaz. “Gli auguro di  apportare quel cambiamento che tutti stiamo cercando”. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica