UVP in maggioranza, c’è il via libera del Conseil des Communautés

Riunitosi oggi, venerdì 3 giugno a Châtillon, il parlamentino dei Progressisti (da statuto "formato da un massimo di 79 membri designati su base territoriale") ha votato quasi all'unanimità (solo 5 gli astenuti) la mozione decisiva.
L'incontro tra UVP e UV
Politica

Dopo il sì incassato dall’Union Valdôtaine al Conseil Fédéral nei giorni scorsi, ieri sera, venerdì 3 giugno, è arrivato anche quello dell’Union Valdôtaine Progressiste al Conseil des Communautés: il leone dorato martedì prossimo entrerà in maggioranza. Riunitosi presso la sala Londres di Châtillon, il parlamentino dei Progressisti (da statuto "formato da un massimo di 79 membri designati su base territoriale") ha votato quasi all’unanimità (solo 5 gli astenuti) una mozione che "evidenziata la validità del confronto con le forze autonomiste e progressiste rappresentate in seno al Consiglio regionale", e "sottolineata la soddisfazione per la condivisione raggiunta sui punti programmatici", dà mandato al Presidente del Movimento di "proseguire il percorso politico intrapreso e, sulla base delle proposte avanzate dal Movimento, di giungere ad una positiva conclusione delle trattative finalizzata alla definizione di nuovi scenari politici che diano piena affermazione al nostro Movimento, ai suoi uomini ed alle sue idee".

Chi del gruppo consigliare UVP finirà poi realmente tra i banchi del governo regionale, ancora non è noto. I progressisti chiedono due cariche di rilievo: in pole position rimane sempre Andrea Rosset (a fargli posto sarebbe in questo caso un assessore unionista, con il nome di Antonio Fosson che circola di nuovo con insistenza nelle ultime ore, ndr) mentre Laurent Viérin sembra essere più accreditato per la Presidenza del Consiglio. Questo dipenderà, anche ma non solo, da ciò che deciderà la Stella Alpina, che dovrebbe sacrificare uno dei suoi due ruoli di spicco, rispetto alla poltrona rimanente: se a saltare fosse veramente quella di Marco Viérin, quest’ultimo in ragione del maggiore numero di voti incassati alle scorse elezioni potrebbe pretendere quella dell’assessore alle Opere Pubbliche, attualmente in forza al compagno di partito Mauro Baccega. Chi tra i due la spunterà? La stessa domanda l’ha posta il Presidente Augusto Rollandin alla direzione dell’Edelweiss: la risposta è attesa per oggi, in mattinata.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica