Verde agricolo, con la primavera 2015 saranno pagate le pratiche del 2008-2009

Ieri mattina la III Commissione "Assetto del territorio", presieduta dal Consigliere Stefano Borrello, ha concluso l'esame della gestione delle pratiche agricole da parte di Area VdA, chiesto da una risoluzione approvata nelle scorse settimane.
Bovine al pascolo
Politica

Si avvia alla conclusione la lunga vicenda dei pagamenti del verde agricolo. Ieri mattina la III Commissione "Assetto del territorio", presieduta dal Consigliere Stefano Borrello, ha concluso l’esame della gestione delle pratiche agricole da parte di Area VdA, chiesto da una risoluzione approvata nelle scorse settimane. 

E dal confronto sono arrivate alcune rassicurazioni: le pratiche relative agli anni 2008-2009 saranno avviate a pagamento nella primavera 2015 mentre le altre problematiche, ferme da un anno, si sono risolte.

La Commissione, come spiega il Presidente Stefano Borrello, ha deciso "l’istituzione di un tavolo di confronto continuativo tra Regione, Area VdA e Centri di assistenza agricola, così come si sta cercando di individuare un percorso per migliorare i rapporti con Agea (l’Agenzia nazionale per le erogazioni in agricoltura) per far sì che siano comprese le peculiarità dell’agricoltura di montagna tipiche della nostra Valle."

Soddisfatti i gruppi di opposizione, promotori della risoluzione che ha dato avvio al confronto. "Apprezziamo – sototlineano Uvp,
Alpe, Pd-Sinistra Vda e M5S –  che l’Assessore Testolin si sia impegnato a proporre ad Agea un protocollo d’intesa finalizzato a produrre un manuale di applicazione che sia specifico alle problematiche legate al territorio valdostano, dove esiste un’eccessiva parcellizzazione che crea difficoltà oggettive nella gestione del caricamento delle domande. Infine, è positivo che Area VdA si sia fatto carico di migliorare il sistema di comunicazione con gli agricoltori, affinché questi siano informati su tutte le varie fasi del procedimento istruttorio ed essere quindi a conoscenza di eventuali criticità che possono bloccare l’iter delle pratiche e avere quindi la possibilità di intervenire." 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica