Votantoine: il Partito Democratico, i candidati “nuovi” e le “nuove” forze della coalizione

Presentati i candidati (Monteleone e Platania) della coalizione che raggruppa Partito democratico, Italia dei valori e Partito socialista e ora anche Sinistra, ecologia e libertà con Savino Corcella.
Votantoine
Politica

"Sinistra ecologia e libertà" non c'è. Non è potuta venire. Il partito di Nichi Vendola, rieletto governatore della Puglia e tra i leader della sinistra italiana più in ascesa, è sbarcato anche ad Aosta: fino a ieri, non se ne è accorto nessuno, a parte Savino Corcella, ex PRC, poi DS, poi Sinistra Democratica (il partito di Fabio Mussi). 

Oggi, alla presentazione dei candidati della coalizione che raggruppa Partito democratico, Italia dei valori e Partito socialista, Corcella, ginecolo aostano, non è potuto intervenire. "Abbiamo concluso un accordo politico per le elezioni comunali – spiega il segretario del PD Raimondo Donzel – confrontandoci direttamente con la segreteria nazionale di SEL". E così la coalizione, grazie a una persona e a qualche telefonata, si allarga a quattro soggetti, che appoggiano Michele Monteleone e Fabio Platania alla carica di sindaco e vice.

Il dehors dell'Ad Forum di Aosta è affollato. Il vento fa tirare le bandiere dalla parte sbagliata: il PD diventa DP, e l'aria del passato fa capolino sull'attualità. Fabio Platania è "figlio di" Maria Giuliana Indrio, assessore della giunta di Pierluigi Thiébat. E spiega: "Non si può mercificare l'autonomia. L'autonomia ci ha permesso di avere i biglietti del treno scontati, i buoni benzina, i libri gratuiti, ma è un valore che non si può mercanteggiare per un accordo politico".

Le parole volano via, e i candidati devono quasi urlare: "Presentare un giovane per la carica di vice-sindaco è una scelta coraggiosa – spiega Platania – che deve essere esempio per altri giovani, perché si impegnino in politica e perché i partiti smettano di usarli soltanto come portatori d'acqua". Michele Monteleone è l'altro "volto nuovo" che il PD candida: "Vogliamo lavorare per la città, sul solco tracciato in questi anni di governo".

Belardi parla dell'Italia dei valori come della "protezione civile della democrazia e della Costituzione". Tomaselli del PSI è "felice dell'uscita da Fédération Autonomiste" e "fiero dell'accordo politico con il PD". Donzel rilancia, dicendo di essere "convinto che ci siano possibilità di vittoria, al primo o al secondo turno", a metà tra la dichiarazione d'intenti e l'incitamento ai suoi.

Il segretario chiarisce la posizione del PD anche in merito ad un eventuale secondo turno, dicendo che ha sempre dichiarato "in tutti i modi, in tutti i luoghi – e in tutti i laghi, direbbero a Sanremo – che non daremo spazio alla destra, quindi ritareremo il programma per un'alleanza con l'ALPE". Sul tema metrò? "E' un progetto interessante e stimolante, ma ci sono altre priorità". Belardi, tre sedie più in là, ringhia

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Politica
Politica
Politica

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte