Francesco De Fabiani a punti nella 10 km di Lillehammer

La 10 km a tecnica libera di oggi regala a De Fabiani un 24° posto, dopo alcune prove poco convincenti. Lontano Federico Pellegrino, 58°. Nella gara femminile, 74° Greta Laurent
Francesco De Fabiani - foto FISI
Sport

Dove non arriva Federico Pellegrino, arriva Francesco De Fabiani. È lui, infatti, l’unico italiano ad andare a punti nella seconda tappa del minitour norvegese di Lillehammer, iniziato ieri con la sprint a tecnica classica. La 10 km a tecnica libera di oggi regala a De Fabiani un 24° posto, finalmente un discreto risultato dopo alcune prove poco convincenti. A vincere è stato ancora Calle Halvarsson, con un tempo di 23’04”9, seguito da Marcus Hellner e Ustiugov. De Fabiani è arrivato con un ritardo di 49”5, dopo essere stato nei primi 20 (18°) al giro di boa.

Federico Pellegrino, invece, partito con un pettorale molto alto (il 66), indice che in questa gara distance non poteva sperare in grandi prestazioni, ha chiuso con un ritardo di 1’40” al 58° posto, sempre lontano dalla zona punti (78° dopo i primi 5 km). In questa gara, due anni fa arrivò addirittura 80°. Dopo l’amarezza di ieri, Pellegrino voleva mettersi alla prova contro il cronometro, senza nutrire troppe aspettative ma prendendo quello che poteva venire, consapevole di avere ancora moltissimo su cui lavorare. Finora Pellegrino non ha potuto esprimersi nella sua specialità, la sprint skating che sta aspettando con ansia, ma i risultati ottenuti fino a qui lo stanno penalizzando molto nelle classifiche di Coppa del Mondo.

Lontana anche Greta Laurent nella 5 km femminile, 74° a 1’57” dall’americana Diggins che soffia la vittoria alle padrone di casa  Weng e Bjoergen. Ben sei le norvegesi nelle prime dieci posizioni.

Domani l’ultima tappa, con una 15 km a tecnica classica a inseguimento (10 km per le donne), con partenze in base ai ritardi accumulati nelle due gare precedenti, che Pellegrino (che partirà oltre la 50° posizione) dice di apprezzare proprio per il fatto di fare la corsa sull’uomo, benché il fatto che sia una gara sulla distanza potrebbe penalizzarlo.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Sport
Sport