WildAosta

Ultima modifica: 12 Marzo 2019 17:00

Un brevissimo tema sull’Amore

Gressoney-La-Trinité - L'Amore è bellissimo, ma certe volte non lo è, è un cazzo di inferno che nemmeno Hieronymus Bosch avrebbe saputo dipingere, una guerra mondiale fatta di virgole non scritte e silenzi sbagliati, di presenze sopravvalutate e di assenze inflazionate.

bivacco gastaldibivacco gastaldi

Introduzione del tema: vado in montagna perchè mi rende felice. Indipendentemente dall’altezza, dal mezzo o dalla stagione, dalla compagnia o dalla solitudine lassù sto bene, anzi, sto meglio, esattamente come dovrebbe essere una relazione che abbia a che fare con l’amore, anzi, l’Amore, quello con la a maiuscola.
A, maiuscola.
Mi sto infilando in un ginepraio, basta poco eh, Amore, tac, ginepraio. E adesso? Come vado avanti? Parlo dell’Amore con la A maiuscola o dell’altro? E qual è l’altro? Fatemi bere dalla mia tazza. Ok, ci sono. Dunque l’Amore ai tempi del bivacco Gastaldi, titolo del mio racconto di oggi.

Svolgimento del tema: l’Amore è bellissimo, ne sono fermamente convinto e sono sicuro che ognuno di voi lo sappia, in quantità e qualità più o meno differenti certo, ma bene o male è forse l’unica cosa che ci accomuna in quanto esseri umani (definizione che di questi tempi faccio fatica ad associare a certe persone). Attenzione però, qui si parla di Amore assoluto, per uomini, donne, piante o animali, nessuna selezione e nessun catalogo. L’Amore è bellissimo, ma certe volte non lo è, è un cazzo di inferno che nemmeno Hieronymus Bosch avrebbe saputo dipingere, una guerra mondiale fatta di virgole non scritte e silenzi sbagliati, di presenze sopravvalutate e di assenze inflazionate. Una guerra fatta di momenti sbagliati e di stati d’animo troppo lontani fra loro che forse nemmeno la fisica vicinanza potrebbe annullare, qualcosa di così distruttivo che riuscirebbe a superare l’entanglement quantistico, roba forte insomma. E quel bivacco per me è stato esattamente così, nonostante fossi dove volevo essere non avrei mai voluto che le cose andassero nel verso sbagliato, e invece hanno svoltato proprio lì, tra lacrime e vino, in direzione occhi rossi e buio pesto.

Conclusione del tema: ho rabboccato la tazza e ora è vuota, di nuovo.

“Avevo compreso da tempo che non c’è cosa al mondo che non sia germe di un Inferno possibile; un volto, una parola, una pubblicità di sigarette potrebbero render pazza un persona, se questa non riuscisse a dimenticarli.»

Jorge Luis Borges

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>