Fabbrica Intelligente, le aziende valdostane collaborano con quelle piemontesi

La cooperazione tra due assessorati alle Attività Produttive e 5 aziende valdostane in sinergia con quelle piemontesi per spingere l'innovazione tecnologica dell'industria. Donzel: "L'impresa 4.0 sarà anche turismo 4.0".
Altro

Cinque imprese valdostane, un bando interregionale di cooperazione tra Piemonte e Valle d'Aosta, la ricerca di una collaborazione per spingere le aziende tutte – piccole, medie o grandi che siano – verso la digitalizzazione e l'innovazione tecnologica, all'interno di un processo globale di venuto sempre più necessario.

È con questo obiettivo che sono stati presentati questo pomeriggio a Palazzo regionale i risultati del bando 'Fabbrica Intelligente', che ha visto un finanziamento regionale di 1 milione di euro per le cinque imprese valdostane che collaboreranno con quelle piemontesi (che utilizzeranno invece un fondo POR FESR) : Novasis Innovazione Srl, Honestamp Srl, Eltek, Quintetto.

“Un'esperienza nuova mai tentata prima tra regioni – ha spiegato l'assessore regionale alle Attività Produttive Raimondo Donzel – che ha visto il valore aggiunto del contributo delle nostre piccole imprese, ed il grosso lavoro dell'assessorato del Piemonte nel predisporre un bando così importante come 'Fabbrica Intelligente'. Una trasformazione straordinaria che attraverserà tutta la società perché 'impresa 4.0' sarà 'turismo 4.0', verso un forte utilizzo del digitale ed un nuovo modo di lavorare e sviluppare scambi commerciali attraverso le nuove tecnologie. Una 'Rivoluzione digitale' che non parte domani ma è già in essere”.

Soddisfatta anche l'assessora alle Attività Produttive della Regione Piemonte Giuseppina De Santis: “Qui le risorse pubbliche incentivano una cosa non automatica ma necessaria in ogni territorio fatto di piccole e medie imprese: la collaborazione. Uno sforzo consapevole, quello della digitalizzazione dell'industria, che passa attraverso un grande processo di formazione dei dipendenti, con competenze specifiche delle Regioni”.

Le imprese valdostane collaboreranno a vario titolo con quelle piemontesi, ognuna secondo il proprio progetto: dai nuovi processi per l'impiego materiali alla  creazione di software e hardware pper ottimizzare i processi produttivi, ai software di riconoscimento automatico che rilevano il degrado dei materiali di ponti, viadotti gallerie ma anche nel settore delle Belle Arti, fino all'informatizzazione dei processi alla ricerca dell'ecosostenibilità, e di una maggiore efficienza. Le tematiche, invece, erano: Agrifood, ICT, Smart product and Manufactoring, Life Sciences, Textile, Green Chemistry and Advanced Materials e Energy and Clean Technologies.

“Questo bando – ha spiegato il Presidente della Regione Augusto Rollandin – dà l'opportunità alle  varie imprese di fare simbiosi, di lavorare gomito a gomito e di capire che si possono avere risultati sorprendenti solo se si fa massa critica, superando i piccoli egoismi. Mai come in questo momento o si fa industria a questi livelli o si va verso il declino”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Altro, Cronaca