Alla scoperta dei tesori nascosti della chiesa di Sarre

A partire da sabato 9 aprile, tutti i secondi sabato del mese, la Parrocchia di Sarre con i volontari Sarre2Mila8 organizza alcune visite guidate alla scoperta dei tesori nascosti sotto il campanile della chiesa del capoluogo. Le visite sono gratuite e con prenotazione obbligatoria.
chiesa di Sarre

Tra le tante chiese e parrocchie della Valle d’Aosta poche possono vantare un patrimonio storico e artistico. Nel paese di Sarre, ce n’è una che ospita alcune sorprendenti opere di arte sacra. È la chiesa del capoluogo, in frazione Saint-Maurice 162, che custodisce i suoi segreti nell’abside del campanile romanico risalente all’XI secolo. Oltre alla particolare architettura e agli affreschi risalenti al XV secolo situati nell’abside del campanile, nella piazza della chiesa si trova anche un piccolo museo che conserva alcune statue lignee, oggetti di oreficeria sacra e paramenti rinvenuti nella chiesa Per valorizzare questo patrimonio artistico e culturale, la Parrocchia di Sarre con i volontari dell’OdV Sarre2Mila8 organizza visite guidate all’abside affrescato nel campanile della chiesa, normalmente non accessibile al pubblico.

Ogni secondo sabato del mese, dalle 15 alle 17, le guide accompagneranno i visitatori alla scoperta di queste opere rimaste per così tanto tempo sconosciute. Le visite, su prenotazione obbligatoria, avranno inizio questo sabato 9 aprile e continueranno per tutta l’estate fino all’autunno prossimo. Il tour prevede il giro del museo nella piazza della chiesa e la visita all’abside con l’illustrazione degli affreschi. Scoperti quasi per sbaglio nel 1911 e subito ricoperti, sono stati portati definitivamente alla luce alla fine del secolo scorso grazie ad un’opera di restauro che ne ha ripristinato i colori.

Il catino dell’abside è occupato da un Cristo Pantocrator ritratto secondo l’uso ortodosso al centro di una mandorla, nell’atto della benedizione con le due dita alzate e circondato dai simboli dei quattro apostoli. C’è poi il San Maurizio a Cavallo, l’immagine più conosciuta e caratteristica dell’intera abside, che anche dopo la restaurazione conserva ancora un certo mistero. Infatti il dipinto non rispetta i criteri dell’iconografia tradizionale che solitamente raffigura San Maurizio con tutti gli attributi tipici dei soldati martiri: la spada, la palma del martirio, lo stendardo con croce rossa in campo bianco e la Croce trilobata sul petto. In questo caso, invece, lo stendardo raffigurato si presenta a colori invertiti, e senza gli altri attributi dedicati ai soldati martiri.

Per info e prenotazioni è necessario contattare direttamente le guide volontarie dell’Associazione Sarre2Mila8. È inoltre possibile prenotare alcune visite “fuori orario” concordando orari e disponibilità.

Adriana: 329 061 08 04

Marisa: 328 86 20 472

Lina: 389 075 65 75

Umberto: 340 89 05 301

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.