Conflitti e particolarismi a confronto nel seminario dell’UniVdA

Questo venerdì, presso la sede di Saint-Christophe, dieci professori ed esperti si riuniranno per discutere di processi di assestamento, pace e conflitti avvenuti nelle colonie dell'Impero Britannico (poi Commonwealth delle Nazioni). La giornata si conclude con una riflessione sui particolarismi, tra Québec e Valle d'Aosta.

“Identità, rivendicazioni, conflitti e processi di pace tra Impero Britannico e Commonwealth delle Nazioni” è il titolo del seminario che si terrà venerdì 29 ottobre, dalle 10.30 alle 18.30, nella sede di Saint Christophe del nostro Ateneo. Ad organizzarlo il Dipartimento di Scienze economiche e politiche dell’Università della Valle d’Aosta, grazie al patrocinio della Fondation Emile Chanoux.

La giornata sarà dedicata ad approfondire i conflitti etno-nazionalisti che si sono sviluppati nei territori dell’Impero Britannico, e successivamente nel Commonwealth delle Nazioni, per valutare l’impatto che hanno avuto sulla politica estera del Regno Unito e sulla sua influenza a livello internazionale. I relatori si concentreranno in particolare sul territorio africano, e sui casi di particolarismo individuati nell’orizzonte del Commonwealth delle Nazioni.

In questo contesto verrà tracciato un parallelismo tra le aspirazioni autonomiste del territorio del Québec e quelle della Valle d’Aosta, sulla base dei loro rispettivi particolarismi. Per assistere al seminario è necessario iscriversi nella sezione eventi del sito dell’ateneo entro martedì 26 ottobre. Gli interventi saranno trasmessi anche in streaming al link che verrà pubblicato sul sito.

Il programma della giornata

Saluto introduttivo:

Marco Alderighi, Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Politiche
Marco Gheller, Fondation Emile Chanoux

Prima sessione:
Adrian Guelke (Queen’s University Belfast), “Post-conflict management in deeply divided societies: the cases of South Africa and Northern Ireland”

Paolo Gheda (Università della Valle d’Aosta), “Dimensione civile e religiosa del conflitto civile in Sudafrica e delle relative strategie di peacekeeping”
Jan Erk (Bilkent University, Ankara, Turkey), “From Dominions to Protectorates in Sub-Saharan Africa: Imperial Constitutionalism Setting the Stage for the Commonwealth of Nations”
Paolo Borruso (Università Cattolica di Milano), “Il rapporto tra religione e politica nel processo di pacificazione della Sierra Leone (1991-2002)”
Chantal Morosso (Università della Valle d’Aosta), “Language & identity, language is identity: words to create and words to destroy – the individual and the community, belonging and separation”

Seconda sessione:
Luciano Eusebi (Università Cattolica di Milano), “Restaurative justice: l’impellenza di modelli relazionali non conflittuali”
Paolo Perri (Università della Valle d’Aosta), “Conflitti etnici, costruzioni identitarie e ingerenze internazionali nell’Africa dei Grandi Laghi: il caso ruandese”
Mario Zamponi (Università di Bologna), “Lo Zimbabwe non sarà mai, mai più una colonia”. Nazionalismo e storia patriottica nel discorso politico dell’era Mugabe”
Alessandro Celi (Fondation Émile Chanoux), “Le Québec dans le Commonwealth: exemple et modèle pour la Vallée d’Aoste?”
Linda Lazzaro (laureata dell’Università della Valle d’Aosta), “Ulster, identities for a divided society in Commonwealth context”

Discussant:
Furio Ferraresi (Università della Valle d’Aosta)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.