Un, due, tre stella!

Il Triangolo estivo e il futuro che non è scritto

L’asterismo del Triangolo estivo è composto dalle tre stelle brillanti Vega (a sinistra, in alto), Deneb (a sinistra, a metà altezza) e Altair (appena sotto il centro dell’immagine). Crediti: Akira Fujii https://www.spacetelescope.org/images/heic0720c/
Nus - Osservando il cielo in questo scorcio finale della bella stagione, spicca il Triangolo estivo, già alto al tramonto nella regione di cielo all’incirca sopra la nostra testa. Si tratta di un asterismo, cioè di un disegno fatto con le stelle che non è però stato codificato nelle moderne costellazioni.
di Osservatorio Astronomico della Valle d'Aosta
Un, due, tre stella!

Vega, la top model delle stelle

Vega, la stella più brillante della costellazione della Lira Crediti: Francisco José Sevilla Lobato / S&T online photo gallery https://skyandtelescope.org/online-gallery/vega-alpha-of-lyrae/
Nus - Vega è stata la prima stella del cielo notturno a venire fotografata, nella notte tra il 16 e il 17 luglio 1850, cioè 170 anni fa esatti quest’anno
di Osservatorio Astronomico della Valle d'Aosta
Un, due, tre stella!

Antares, il rosso cuore dello Scorpione

: L’immaginario disegno della costellazione dello Scorpione con la stella Antares Crediti: © Akira Fujii/David Malin Images https://www.abc.net.au/science/starhunt/images/slideshow/Scorpius/scorpius_02.jpg
Nus - La stella più brillante dello Scorpione, Antares, è una supergigante rossa. Il colore di una stella dipende dalla temperatura del gas, soprattutto idrogeno, che compone i suoi turbolenti strati esterni.
di Osservatorio Astronomico della Valle d'Aosta
Un, due, tre stella!

Arturo, il pezzo grosso del nostro vicinato galattico

La costellazione di Boote con la brillante stella Arturo (in basso, al centro)
Nus - Nell'attesa di riaprire al pubblico, i ricercatori dell'Osservatorio Astronomico ci danno un suggerimento per l’osservazione casalinga del cielo. Oggi si va alla scoperta di Arturo, “il guardiano dell’orsa”, la stella gigante arancione circa 25 volte più grande del Sole.
di Osservatorio Astronomico della Valle d'Aosta