Contributi regionali per la mobilità green: quanti fondi restano?

L'Assessore ai trasporti Luigi Bertschy fa chiarezza e rassicura: "Le domande pervenute finora incidono per il 20% sui fondi a disposizione dei privati e il 35% per quelli destinati alle imprese".
car pooling e car sharing
Ambiente

I contributi per la mobilità sostenibile messi in campo dalla Regione Valle d’Aosta e aumentati con le legge di stabilità a febbraio 2024 sono già terminati? La domanda, giunta anche in redazione, è al centro di un passaparola, con supposizioni e conti errati, tra i concessionari e chi si appresta a cambiare o acquistare un veicolo meno inquinante.

I fondi per il 2024 ammontano a oltre 2 milioni di euro e prevedono contributi per le auto elettriche e ibride, le biciclette a pedalata assistita e le colonnine per la ricarica. I beneficiari sono suddivisi tra le famiglie e i privati, la fetta più interessante, e le imprese.

“Dal giorno di apertura del portale dedicato abbiamo ricevuto complessivamente 150 domande, per la cui copertura spenderemo il 20% dei fondi stanziati sul lato delle famiglie e il 35% per le imprese. Il che significa che le risorse ci sono e sono a disposizione di chi deciderà di investire sulla mobilità green” spiega l’Assessore Luigi Bertschy allo sviluppo economico, formazione e lavoro, trasporti e mobilità che, con il supporto degli uffici competenti, presidia settimanalmente la misura.

“Una buona metà delle domande riguarda automobili a bassa emissione, con quarantina di auto completamente elettriche, un dato che ci soddisfa perché significa che in Valle d’Aosta circoleranno più mezzi non inquinanti” sottolinea ancora Bertschy.

Luigi Bertschy
Luigi Bertschy

L’esaurimento dei fondi è quindi ancora lontano. L’aspettativa, condivisa anche dall’Assessore, è di un possibile aumento delle domande non appena saranno sbloccati i nuovi incentivi nazionali cumulabili cumularsi con quelli regionali. Attesi tra la fine di marzo e la metà di aprile, gli incentivi governativi 2024 andranno a sostituire gli attuali e promettono sconti sostanziosi con un  meccanismo molto vantaggioso: l’agevolazione viene applicata direttamente dal concessionario per cui non sarà necessario, come per quelli regionali, anticipare l’intera cifra e richiedere il contributo in un momento successivo.

Quali i contributi messi in campo dalla Valle d’Aosta?

Ai soggetti privati per l’acquisto di veicoli a bassa emissione nuovi di fabbrica e immatricolati in Valle d’Aosta o usati, purché acquistati presso concessionarie, sono concessi ora contributi pari, al massimo, al 50% (prima era del 25%) della spesa ammissibile e, comunque, per un importo non superiore a: 10.000 (prima era 6000) euro a veicolo per i soggetti privati incrementati di 4.000 euro per gli under 35 anni al momento di presentazione della domanda; 12.500 euro (prima era 10mila) a veicolo per le imprese che non si occupano di trasporto di passeggeri e 15.000 euro a veicolo per quelle nel settore del trasporto di passeggeri.
Salgono da 1000 a 3mila euro i contributi per l’installazione di stazioni di ricarica domestiche. I contributi regionali prevedono anche massimo 700 euro per l’acquisto di biciclette a pedalata assistita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e da Googlepolitica sulla riservatezza ETermini di servizio fare domanda a.

The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte