140 euro per un po’ di frutta, turista si rivolge alle Fiamme gialle: multato ambulante

Il conto salato è stato pagato da una signora svizzera domenica scorsa ad un venditore ambulante lungo la Statale 27 nei pressi di Gignod.
Cronaca

Due kg di ciliegie a 44 euro, 2 chili di aglio a 15 euro, 2 chili e mezzo di cipolla di Tropea a 23 euro, ben 8 euro per un cespo d’insalata e ancora un melone di 2 chili a 16 euro ed un anguria da 12 chili a 34 euro. Il conto salato – 140 euro – è stato pagato da una signora svizzera domenica ad un venditore ambulante lungo la Statale 27 nei pressi di Gignod. 

Dopo aver pagato il dovuto, senza ricevere in cambio lo scontrino fiscale ma solo quello di peso della bilancia, la signora si è rivolta alle Fiamme gialle. La Guardia di finanza si è subito messa in moto accertando oltre alla mancata emissione dello scontrino fiscale, il non funzionamento del registratore di cassa. Nella cassa dell’esercente, proveniente da fuori valle, erano presenti oltre 500 euro. Per l’uomo è scattata quindi la multa e una segnalazione agli uffici finanziari sulle omissioni commesse.

"L’episodio, seppur circoscritto – spiega una nota della Guardia di finanza –  permette di sottolineare l’impegno delle fiamme gialle valdostane, anche tramite il numero di pubblica utilità “117”, a tutela del consumatore e di proiettare anche fuori dai confini nazionali un’immagine di legalità che risulta senza dubbio proficua nel caso di una regione che fa del turismo corretto la propria bandiera".

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca