Aggiornato al 13 novembre il processo per il Sindaco di Saint-Nicolas

Il primo cittadino di Saint-Nicolas, difeso dall'avvocato Stefano Marchesini, è accusato di omicidio colposo per la morte di Alex Consiglio, precipitato il 18 marzo del 2005 in un dirupo mentre giocava a pallone con un gruppo di amici.
Cronaca

E’ ripreso questa mattina, venerdì 26 settembre, il processo  a carico di Bruno Domaine, il sindaco di Saint-Nicolas, accusato di omicidio colposo. In aula sono stati sentiti due testimoni, poi l’udienza è stata aggiornata al 13 novembre per la discussione finale. Poi, la sentenza.

Il primo cittadino di Saint-Nicolas, difeso dall’avvocato Stefano Marchesini, è accusato di omicidio colposo per la morte di Alex Consiglio, precipitato il 18 marzo del 2005 in un dirupo mentre giocava a pallone con un gruppo di amici nell’area verde di Saint-Nicolas.

La procura, inseguito all’incidente aprì un’inchiesta per verificare se qualcuno aveva delle responsabilità per l’incidente. Secondo l’avvocato Veronica Menegatti, che rappresenta i familiari di Alex Consiglio, nella zona mancavano i cartelli che segnalavano il pericolo e mancavano i requisiti minimi di sicurezza. Tesi accolta anche  dal perito nominato dal giudice monocratico Paolo De Paola, che ha dichiarato che la zona non era adeguata a un campo da calcio, in quanto pericolosa.
Il sindaco ha sempre respinto duramente le accuse.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte