Condannato a sei anni di carcere l’autore del pestaggio alla festa della birra di Gressoney

Nel giugno 2008 due giovani canavesani erano stati picchiati a sangue per aver negato una sigaretta. Il gup Eugenio Gramola ha raddoppiato la pena chiesta dal pm per Gheorghe Bitcos.
Gheorghe Bitcos
Cronaca

Erano stati brutalmente picchiati solo per avergli negato una sigaretta. Questa mattina, il gup di Aosta, Eugenio Gramola, ha condannato in rito abbreviato Gheorghe Bitcos,  23 anni romeno. Il ragazzo, difeso dall’avvocato Stefano Moniotto, è stato condannato a 6 anni e 6 mesi di reclusione per lesioni personali aggravate ed evasione. Il pm Luca Ceccanti aveva chiesto una pena di 3 anni. Intanto, il suo connazionale, accusato di essere il complice, è ancora ricercato.

I fatti risalgono al 22 giugno dello scorso anno, quando due fidanzati del Canavese erano stati picchiati dal giovane rumeno. L’aggressione si era svolta poco distante dai capannoni dove si stava svolgendo la festa della birra a a Gressoney-La-Trinité. Ad essere pestati a sangue due giovani canavesani: Ilenia Franchino, 29 anni di Tavagnasco e di Diego Vigna Ton, 30 anni di Quincinetto. Dopo due mesi di indagini, gli uomini della squadra mobile di Aosta con i carabinieri, erano arrivati a Gheorghe Bitcos e al suo connazionale.

Bitcos aveva confessato che lui e il suo amico avevano incontrato la coppia e avevano chiesto loro una sigaretta. Al loro rifiuto i due rumeni, che avevano bevuto molto, circa quattro birre a testa di un litro ciascuna, avrebbero iniziato a pestarli. “Hanno agito per futili motivi e con una violenza inaudita”, hanno detto gli inquirenti. Hanno colpito violentemente al volto prima la giovane, poi lui. I due ragazzi hanno perso i sensi, ma i due rumeni, che lavorano in alpeggio a Gressoney-Saint-Jean, hanno continuato a infierire prendendoli a calci al volto. Ilenia Franchino e Diego Vigna Ton hannno subito lesioni gravissime, tanto che Diego Vigna Ton ha rischiato veramente la vita. A trovare i due ragazzi erano stati alcuni passanti.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca