Cronaca di Christian Diémoz |

Ultima modifica: 1 Dicembre 2018 9:40

Corruzione sotto il Cervino, la Procura fa “tris” di sequestri

Aosta - I Carabinieri hanno posto oggi i sigilli a circa 70mila euro di beni (tra i quali un garage) di Fabio Chiavazza. La somma rappresenterebbe i pagamenti ricevuti dal funzionario, a seguito di episodi di concussione e corruzione.

Fabio ChiavazzaFabio Chiavazza.

E tre. Un nuovo sequestro si aggiunge a quelli eseguiti sinora nell’ambito dell’inchiesta “Do Ut Des”, riguardante un giro di corruzione in appalti pubblici, in particolare al comune di Valtournenche. Il Gip Giuseppe Colazingari ha infatti disposto, accogliendo la richiesta del pm Luca Ceccanti, di “mettere i sigilli” a circa 70mila euro di beni a Fabio Chiavazza, il funzionario comunale arrestato lo scorso 20 novembre, considerato il “pivot” del “sistema” messo a nudo dell’indagine. La misura preventiva è stata eseguita oggi, venerdì 30 novembre, e tra gli immobili sequestrati vi è anche un garage.

La somma, nella ricostruzione degli inquirenti, sarebbe il frutto della concussione del geometra nei confronti di un impresario edile (che, per i Carabinieri, sarebbe stato letteralmente “taglieggiato” dal tecnico, dietro la minaccia di revocargli un lavoro legittimamente ottenuto, nel 2014), nonché della corruzione del funzionario, da parte dei soci dell’impresa edile Edilvu (Ivan Vuillermin, Loreno Vuillermin e Renza Dondeynaz, ai “domiciliari”), per aggiudicarsi le gare che la Procura ritiene essere state “pilotate”.

Nei due casi, i versamenti sarebbero stati compiuti in totale trasparenza, con assegni e bonifici, perché – è la tesi dell’accusa – Chiavazza li avrebbe “mascherati” da vendite di materiali ed attrezzature, emettendo fatture di una società immobiliare, la “CMP Srl”, cui partecipava. Quelle operazioni, tuttavia, anche secondo il giudice Colazingari, che le ha indicate come elemento indiziario degno di nota nell’ordinanza di custodia cautelare, sarebbero inesistenti, costituendo la “lavanderia” del denaro delle tangenti.

Gli altri due sequestri operati sinora dai Carabinieri nell’inchiesta, dopo il “semaforo verde” del Gip, riguardano la scuola media di Crétaz, a Valtournenche e la somma (interamente reperita sui conti correnti nella disponibilità dei soci) di poco meno di trecentomila euro alla Edilvu. Nel primo caso, lo stabile era stato al centro di una delle gare pubbliche oggetto delle indagini, e la Procura intende verificare aspetti di pubblica incolumità rispetto allo svolgimento dei lavori. Nell’altro, si tratta dell’importo degli appalti che, nella ricostruzione dell’Arma e dell’ufficio inquirente diretto da Paolo Fortuna, l’azienda della bassa valle si sarebbe garantita corrompendo Chiavazza.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo