Due famiglie di immigrati intossicate da monossido di carbonio. Ora sono fuori pericolo

E’ accaduto nella notte fra sabato e domenica a due famiglie di marocchini, una residente a La Salle e l’altra a Châtillon. Gli uomini sono già stati dimessi, mentre donne e bambini sono ancora ricoverati, ma con ogni probabilità usciranno già oggi.
l'ambulanza dei volontari del soccorso di chatillon
Cronaca

La notte fra sabato e domenica due famiglie di immigrati di origine marocchina, una residente a La Salle e l’altra a Châtillon, sono finite all’ospedale regionale Umberto Parini a causa delle esalazioni di monossido di carbonio. Le loro condizioni non destano però preoccupazione. Gli uomini sono già stati dimessi, mentre donne e  bambini, tra cui una bimba di sei mesi e uno di un anno, sono ancora ricoverati, ma con ogni probabilità usciranno già oggi, lunedì 22 novembre. Ieri mattina, sono stati portati a Torino per accertamenti e in giornata verranno trasferiti nuovamente al nosocomio regionale.

Madre e figlia, di Châtillon avevano respirato i fumi emessi da un braciere utilizzato per fare il barbecue, poi nella notte si sono sentite male. A chiamare il 118 è stato il marito.

A La Salle, invece, la famiglia di immigrati è stata lievemente intossicata dal monossido di carbonio emesso da una stufa a legna rimasta accesa.

Ora, i carabinieri sono all’opera per cercare di ricostruire i la dinamica dei fatti.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte