Furto con ‘spaccata’ nella notte alla gioielleria De Marchi Gianotti di Sarre

I ladri hanno sfondato la vetrina del negozio con un grosso mezzo attorno alle 3,30 della notte di martedì 9 settembre. Sul posto è intervenuta la polizia. Nell'ottobre 2013 i ladri portatono via un bottino di 6mila euro, questa volta è molto più alto.
La vetrina devastata di De Marchi Gianotti
Cronaca

Nella notte di oggi, martedì 9 settembre, attorno alle 3,30 i ladri sono entrati in azione a Sarre con una spaccata alla gioielleria De Marchi e Gianotti all’altezza di Villa dei Fiori sulla strada statale 26. 

Secondo un abitante del palazzo che è sceso dopo aver sentito "una botta enorme" i malviventi hanno sfondato la vetrina del negozio con un grosso fuoristrada e sono poi fuggiti a bordo di due diversi mezzi. Il fuoristrada di grosse dimensioni avrebbe preso la rincorsa e spaccato la vetrina di entrata del negozio alzando tutta la struttura, i malviventi poi sarebbero entrati portando via molti gioielli, compresi quelli nella vetrina dei locale interno, spaccata anche quella. "Io sono sceso subito – commenta l’abitante del palazzo – e i ladri avevano degli estintori. Hanno spruzzato la schiuma per evitare che vedessimo cosa succedeva. Io allora sono rientrato e sono uscito dalla porta retrostante ma i ladri sono stati velocissimi e sono scappati con il grosso fuoristrada e un’altra auto famigliare verso l’alta Valle. Dalle voci mi sembravano uomini dei Paesi dell’est". Sul posto sono subito intervenuti gli agenti della Questura di Aosta. La polizia ha poi intercettato il pick-up in autostrada e lo ha inseguito sino a Ivrea. Qui i ladri lo hanno abbandonato e sono fuggiti a piedi, facendo perdere le proprie tracce.

"DIfficile definire ora l’entità del danno, che comunque è molto alto" commenta rammaricato Paolo Giannotti, titolare della gioielleria, che insieme ad un impiegato si è subito recato sul posto dopo che l’allarme era scattato tempestivo "Dopo il furto dell’anno scorso (nel mese di ottobre) avevamo rinforzato tutto, qui è tutto blindato". La forza con cui è entrato il grosso fuoristrada è bastata a scardinare tutto però, serranda, struttura esterna e interna. A terra vetri e strutture portanti e appena fuori dal negozio sull’asfalto le tracce della polvere bianca degli estintori. 

"Ora cercheremo di sistemare la parte di negozio che è integra" aggiunge Paolo Gianotti " e continueremo a lavorare in attesa di sistemare tutto, ma i tempi per un ritorno alla normalità non saranno brevi".  

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca