Inchiesta bestiame, al via questa mattina il processo

Il tribunale collegiale di Aosta ha respinto tutte le eccezioni delle difese: intercettazioni telefoniche "non avvenute in Procura", incompetenza territoriale per i magistrati "consumatori di Fontina" e capi d'imputazione "generici".
Il tribunale di Aosta
Cronaca

Ha preso il via questa mattina il processo per l’inchiesta sul bestiame contaminato e la fontina adulterata, sul quale aleggia il rischio di prescrizione. Il tribunale collegiale di Aosta ha respinto tutte le eccezioni delle difese (intercettazioni telefoniche "non avvenute in Procura", incompetenza territoriale per i magistrati "consumatori di Fontina" e capi d’imputazione "generici") e la richiesta di costituzione a parte civile dell’Associazione nazionale protezione animali ambiente (Anpana).

L’udienza è stata rinviata al prossimo venerdì, quando saranno sentiti sei testi del pm, appartenenti alla polizia giudiziaria. Nelle udienze del 18 e del 20 giugno saranno sentiti altri 20 testi. Già fissato un calendario, con 12 udienze dal 7 al 31 ottobre prossimi. 

Parti civili nel processo sono l’azienda Usl della Valle d’Aosta, la Regione Valle d’Aosta e l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. I 47 imputati – allevatori, veterinari e produttori di formaggi operanti in Valle d’Aosta – sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni della Regione, maltrattamento e uccisione di animali, abusivo esercizio di professione e frode in commercio. Le indagini di Nas, carabinieri e corpo forestale risalgono al 2008.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte