VIDEO Cronaca

Ultima modifica: 5 Maggio 2019 11:04

Indagine Bcc, Ego Perron condannato a tre anni di carcere

Aosta - Un anno, pena sospesa, per l'ex presidente della Bcc valdostana, Martino Cossard, difeso da Giovanni Borney e altrettanti per  l'attuale presidente dell'istituto bancario, Marco Linty, avvocati Maria Rita Bagalà e Carlo Federico Grosso. 

Tre anni di carcere per l”Assessore regionale alle Finanze, Ego Perron, un anno, pena sospesa, per l’ex presidente della Bcc valdostana, Martino Cossard e altrettanti per l’attuale presidente dell’istituto bancario, Marco Linty.

Si è chiuso così il processo, di primo grado con rito abbreviato, per il trasferimento – mai andato in porto – della filiale di Fénis della Bcc da una sede di proprietà a una in affitto, l’ex bar-ristorante Lo Bistrot, di proprietà di Perron. Il reato contestato era di induzione indebita a dare o promettere utilità. Il Gup Davide Paladino ha accolto le richieste formulate dal Pm Luca Ceccanti per l’Assessore al Bilancio mentre ha ridotto le pene per gli altri coimputati (la richiesta era di 1 anno e 4 mesi).

Secondo l’accusa l’ex assessore al Bilancio, con l’obiettivo di ottenere un contratto di locazione per l’immobile, si prodigò per far rieleggere Linty nel consiglio di amministrazione della banca, la cui assemblea dei soci si tenne il 19 aprile 2015. L’inchiesta dei carabinieri è stata coordinata dal pm Luca Ceccanti, che aveva chiesto il rinvio a giudizio lo scorso gennaio.

Nell’ultima udienza il Gup aveva accolto l’eccezione di nullità delle registrazioni della Dda di Torino, avanzata dalle difese, perché svolte nell’ambito di un altro procedimento. Sono state invece ammesse quelle svolte successivamente dalla procura di Aosta.

Per l’Assessore regionale alle Finanze, difeso dagli avvocati Fabio Fantini e Andrea Bertolino, scatta ora la Legge Severino con la sospensione per 18 mesi dalla carica di consigliere. Nella lista Uv il primo escluso, che dovrebbe a questo punto entrare in Consiglio regionale, è Davide Perrin. 

L’ex presidente della Bcc valdostana, Martino Cossard era difeso da Giovanni Borney mentre l’attuale presidente dell’istituto bancario, Marco Linty dagli avvocati Maria Rita Bagalà e Carlo Federico Grosso.

Iscriviti alla nostra newsletter

* indicates required

Non daremo mai i tuoi dati a terzi e ti promettiamo che non ti disturberemo inutilmente e che non ti faremo mai perdere tempo.


Puoi cancellarti in ogni momento da questa lista, cliccando nel link che trovi al fondo di ogni mail che ti inviamo. Per avere tutte le informazioni a proposito della nostra "policy" in termini di privacy, puoi andare sul nostro sito www.aostasera.it

Usiamo Mailchimp come piattaforma di marketing: significa che è lo strumento con cui ti mandiamo le mail. Cliccando qui sotto su "Mi iscrivo", confermi di essere al corrente del fatto che gestiremo le informazioni che ci hai lasciato qui attraverso Mailchimp. Se voi scoprire di più sulla Privacy Policy di Mailchimp, clicca qui

Commenta questo articolo