Cronaca

Ultima modifica: 19 Giugno 2018 16:34

Individuati i presunti responsabili dei furti ai supermercati Conad di Verrès e Pont-Saint-Martin

Verrès - Si tratta dei due rumeni che erano già stati condannati ad un anno di carcere il 15 aprile scorso dal tribunale di Aosta per il furto di attrezzi ad un cantiere edile di Morgex. Sono in corso le indagini per accertare se abbiano agito con altri complici.

Andrei Robert Brasoveanu
Dopo quasi un mese di indagini, i carabinieri di ChâtillonSaint-Vincent hanno identificato i due presunti ladri che hanno messo a segno i colpi presso i supermercati Conad di Verrès e Pont-Saint-Martin. Ieri sera, lunedì 4 maggio, i carabinieri hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere, firmate dal gip Maurizio D'Abrusco su richiesta del pm Luca Ceccanti. I provvedimenti sono stati emessi nei confronti di Ion Carstean, di 31 anni, e di Robert Andrei Brasoveanu di 20 anni, entrambi residenti a Torino e di nazionalità romena. Per entrambi l’accusa è di furto aggravato. Secondo i militari, i due romeni sarebbero gli autori dei furti commessi, l'11 e il 13 aprile scorso, ai danni dei supermercati Conad di Verrès e Pont-Saint-Martin: nell'occasione i ladri si erano introdotti nei locali dopo aver forzato le porte di ingresso e avevano asportato le casseforti mobili, oltre a cellulari e memory card. Entrambi gli arrestati, erano già stati condannati ad un anno di carcere il 15 aprile scorso dal tribunale di Aosta per il furto di attrezzi avvenuto in un cantiere edile di Morgex. In quell'occasione avevano agito con altri due complici.
Il primo colpo, era stato messo a segno presso il negozio di Verrès. I ladri, dalle immagini delle telecamere a circuito chiuso del negozio, hanno agito in pochi istanti, circa tre minuti. Si sono diretti subito dov’era custodita la cassaforte, e i cellulari. Hanno preso la refurtiva e sono fuggiti a bordo di una Bmw rubata poco prima a Montjovet e ritrovata poi a Tavagnasco. Stesso modus operandis per il colpo a Pont-Saint-Martin. In questo caso, sono fuggiti a bordo di una Mercedes, ritrovata a Settimo Vittone, e rubata in un’officina di Pont-Saint-Martin. Oltre alle auto, i carabinieri hanno ritrovato anche le casseforti, aperte probabilmente con un flessibile e le scatole che contenevano i cellulari.
Gli investigatori sono risaliti ai due giovani proprio all'indomani dell'arresto per il furto di Morgex: infatti erano stati sorpresi con due cellulari rubati proprio negli esercizi commerciali. In seguito alle perquisizioni domiciliari, i carabinieri hanno ritrovato altri cellulari, tutti provenienti dai due supermercati della bassa Valle. Ma non solo. Nell’auto i carabinieri avevano ritrovato anche due capellini, molto simili a quelli che indossavano i ladri della Conad, ripresi dalle telecamere a circuito chiuso dei due supermercati. Sono inoltre in corso indagini per accertare se abbiano agito con altri complici.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>