Installava dispositivi per leggere i codici pin delle carte bancomat: arrestata una donna

Marilena Andreea Cucos, di 24 anni, romena senza fissa dimora è stata arrestata ieri venerdì 24 luglio. La ragazza è accusata di installazione di apparecchiature per intercettare, impedire o interrompere le comunicazioni informatiche.
immagine di archivio
Cronaca

I carabinieri della compagnia di Châtillon-Saint-Vincent hanno arrestato Marilena Andreea Cucos, di 24 anni, romena senza fissa dimora. La ragazza è accusata di installazione di apparecchiature per intercettare, impedire o interrompere le comunicazioni informatiche o telematiche.

Nei giorni scorsi i militari avevano avuto alcune segnalazione di cittadini di Vèrres che lamentavano alcuni disguidi con il bancomat dell'ufficio postale del paese e altri che avevano subito dei prelievi non autorizzati dai loro conti correnti. A Torino, con i codici di alcuni valdostani, sono stati fatti prelievi per circa 3.000 euro.

I militari hanno avviato una serie di indagini e si sono accorti che al bancomat dell'ufficio postale di via XXVI Febbraio era stato installato un dispositivo composto da lettore di bande magnetiche, telecamera e microfono per carpire i codici pin delle tessere.

Nella notte tra giovedì e ieri, venerdì 24 luglio, durante alcuni appostamenti, i carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato la giovane romena che si era recata sul posto per disinstallare il dispositivo. La ragazza si è giustificata dicendo di non saperne nulla di bancomat clonati

Ieri, la donna è comparsa davanti al gip di Aosta, che ha convalidato l'arresto in carcere. Gli investigatori stanno indagando per risalire ai complici della giovane. Infatti, secondo i carabinieri, la giovane sarebbe solo una pedina, forse di qualche banda specializzata nel settore.

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte