Monte Bianco, italiano perde la vita dopo un lancio con la tuta alare

L'italiano di 33 anni, Dario Zanon di Lobia di San Giorgio in Bosco, si era lanciato mercoledì con una tuta alare dall'Aiguille di Midi, a 3842 metri. Il suo corpo è stato ritrovato ieri in tarda mattinata.
Volo in tuta alare (immagine di repertorio).
Cronaca

Un italiano di 33 anni –  Dario Zanon di Lobia di San Giorgio in Bosco (Pd) – è stato trovato morto domenica 12 giugno sul ghiacciaio di Bosson a circa 2000 metri di altezza, nel massiccio del Monte Bianco. L’uomo, residente a Chamonix, si era lanciato mercoledì con una tuta alare dall’Aiguille di Midi, a 3842 metri. Le ricerche erano scattate sabato sera dopo che gli amici avevano dato l’allarme. L’appassionato di wingsuit aveva allertato il Peloton d’Haute montagne di Chamonix che si sarebbe lanciato.

Secondo i primi accertamenti sembra che il giovane non abbia avuto il tempo di aprire il paracadute nella fase di atterraggio e si è schiantato contro la parete della montagna. 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca