Oltre nove anni di carcere per il “crack” di cinque immobiliari

Il Gup Fadda ha inflitto cinque anni a Roberto Noventa, mentre Roberto Invernizzi ha patteggiato un anno ed otto mesi. I due erano legali rappresentanti di società di costruzione e compravendita di stabili. Le accuse includevano la bancarotta fraudolenta continuata e la truffa aggravata.
Cronaca

Negli anni d’oro del mattone erano stati protagonisti di diverse operazioni immobiliari in Valle, alcune di rilievo. Poi, le cinque società di cui erano legali rappresentanti sono fallite e, dalle indagini della Procura, ha preso forma lo spaccato di una bancarotta fraudolenta continuata da poco meno di tre milioni di euro, nonché di una truffa aggravata sull’ordine degli 8-900mila euro. Oggi, lunedì 14 ottobre, l’epilogo dinanzi al Gup del Tribunale Luca Fadda, con due condanne e un patteggiamento, per pene che raggiungono nell’insieme nove anni e quattro mesi di carcere.

All’immobiliarista Roberto Noventa (59 anni, residente a Charvensod), al termine del processo con rito abbreviato sono stati inflitti 5 anni di reclusione, mentre l’altra metà del “duo” specializzato in costruzione e compravendita di stabili, cioè Roberto Invernizzi (58, Cornaredo), ha scelto di patteggiare un anno ed otto mesi. Secondo l’accusa, distrazioni e truffe attuate dagli imputati (che curavano, tra l’altro, un cantiere in via Tourneuve, ad Aosta) avrebbero raggiunto il culmine nel periodo 2012-4, ma sarebbero comunque continuate fino al 2016.

L’anno dopo, la Procura accende un faro sui fallimenti di “Etoile”, “Cure de Chevrot”, “Croix de Ville”, “Eglantier” e “Notre Maison”. A mettere in moto via Ollietti è la prima relazione del curatore. Gli gli uomini dell’aliquota della Guardia di finanza della Sezione di polizia giudiziaria riscontrano l’assenza di contabilità su movimentazioni dalle quali viene messa a fuoco l’accusa di bancarotta per un totale di 2,8 milioni di euro, con 1,7 milioni di operazioni tra le società del gruppo e 700mila euro di prelievi personali effettuati in contanti, ma anche con altri strumenti bancari.

Tra questi ultimi emergono dei bonifici dai conti societari eseguiti da Cinzia Giuliana De Michele (55, residente ad Olbia), per un totale di circa 70mila euro. La donna finisce, a sua volta, a processo e chiede di essere giudicata con l’abbreviato: per lei è arrivata dal giudice una condanna a due anni e otto mesi di reclusione. Le indagini, trattandosi di sette fallimenti in tutto (cinque societari e due individuali), hanno avuto natura tutt’altro che semplice: i finanzieri hanno setacciato trentadue conti correnti di ditte e diciotto personali, con decine di operazioni ognuno.

Dalla ricognizione investigativa sono affiorati anche gli episodi per cui su Noventa ed Invernizzi si è abbattuta, in aggiunta al “crack”, l’imputazione di truffa: quattro acquirenti non hanno mai ricevuto le abitazioni per cui avevano consegnato caparre dell’ammontare complessivo di 8-900mila euro. Due, assieme ad una persona offesa dalla bancarotta, si sono costituite parte civile nel procedimento: a loro favore, il Gup ha stabilito delle provvisionali, ognuna di entità diversa, che i due imputati dovranno versare.

Il dato processuale è indubbiamente rappresentato dall’inasprimento delle pene invocate dal pm Luca Ceccanti, titolare del fascicolo che ha restituito uno scenario in cui la crisi del mattone pare aver fatto da propellente alla definitiva compromissione di società già deteriorate dalle modalità gestionali seguite dei loro responsabili. Nella discussione dei due abbreviati, il rappresentante dell’accusa aveva chiesto quattro anni di carcere per Noventa ed un anno e sei mesi per De Michele. Misure alle quali il giudice Fadda è andato oltre, rispettivamente, di un anno ed un anno e due mesi.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte