Resta in carcere l’uomo arrestato per aver preso a martellate la moglie

Oggi si è tenuta l'udienza di convalida del fermo di Salah Eddine Bakkari, il marocchino pregiudicato e disoccupato fermato domenica mattina, a Sarre. Le accuse a suo carico sono di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e maltrattamenti in famiglia.
Cronaca

Resta in carcere Salah Eddine Bakkari, il marocchino arrestato domenica mattina dai Carabinieri a Sarre, con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni gravi e maltrattamenti in famiglia. Lo ha deciso oggi il giudice per le indagini preliminari, Maurizio D’Abrusco, al termine dell’udienza in cui ha anche convalidato il fermo operato dai militari.

L’uomo, pregiudicato e disoccupato, era stato individuato dagli uomini dell’Arma in un bar non lontano dal Municipio di Sarre, paese ove risiede con la moglie, di nazionalità italiana, mentre era intento a fare colazione. Per lui era come se nulla fosse accaduto, ma nella notte, dopo essere rientrato a casa ubriaco ed aver violentemente litigato con la donna, aveva preso un martello e l’aveva inseguita nell’alloggio in cui vivono. Lei è riuscita a chiedere aiuto al 112, prima di essere colpita da varie martellate, una delle quali in testa.

Il personale del 118, giunto sul luogo con un’ambulanza, l’ha prontamente soccorsa, dopodiché è stata trasportata in ospedale. La sua prognosi è di venticinque giorni. I Carabinieri si sono quindi messi sulle tracce dell’uomo, che nel frattempo era fuggito. Le ricerche si erano quindi conclusa con l’arresto. Salah Eddine Bakkari è difeso dall’avvocato Andrea Noro. Le indagini sull’accaduto sono coordinate dal pubblico ministero Luca Ceccanti.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca