Schianto in auto, un ragazzo muore sul colpo in un incidente a Gignod

Stefano Di Vona, ha perso la vita, questa mattina, domenica 5 settembre, in un incidente stradale in località Chez-Sentin, a Gignod. Il ragazzo, che vive a Planet di Excenex, stava tornando a casa con un suo amico.
Il luogo dell'incidente
Cronaca

Un ventiquattrenne di Aosta, Stefano Di Vona, ha perso la vita, questa mattina, domenica 5 settembre, in un incidente stradale in località Chez-Sentin, a Gignod.
Il ragazzo, che vive a Planet di Excenex, stava tornando a casa con un suo amico, quando l’auto condotta da Robert De Antoni, di 20 anni, di Aosta, è uscita di strada finendo contro un albero. Per Di Vona non c’è stato nulla da fare. Il ragazzo è morto sul colpo. L’amico, invece, è stato portato all’ospedale regionale Umberto Parini, ma dopo essere stato medicato in tarda mattina è già stato dimesso. Secondo quanto si è appreso, al primo esame per verificare il tasso alcolico nel sangue, Robert De Antoni è risultato positivo. Ora, si attendono gli esiti delle successive prove.

“Ho sentito un gran botto, poi delle urla, alla fine ho visto il fumo – racconta Olga Rumiod, di 70 anni, di Gignod, che per prima ha dato l’allarme. – Erano circa le 4.30 stavo dormendo quando ho sentito un gran botto. Mi sono alzata e ho sentito una voce che urlava ‘‘Stefano, Stefano, ti prego’’, ma non vedevo nessuno. Poi, ho visto del fumo nero, e ho visto un’auto in fiamme. Ho subito chiamato il mio vicino, Valter Vallet, che è uscito. Non vedevamo nessuno, poi Valter ha visto, accanto all’auto in fiamme il corpo di uno dei ragazzi e lo ha trascinato via”.

La dinamica dell’incidente è ancora al vaglio dei carabinieri di Aosta, ma da una prima ricostruzione, i due ragazzi arrivavano dalla statale 27 e viaggiavano in direzione Planet di Excenex, dove viveva Di Vona. All’altezza di frazione Chez-Sentin, a Gignod, forse per l’alta velocità, il conducente ha perso il controllo dell’auto, che è finita fuori strada, andando in un prato, e scontrandosi contro un albero. Poi, l’auto si è ribaltata in mezzo al prato. De Antoni è riuscito a uscire dall’auto e a tirare fuori l’amico prima che il mezzo prendesse fuoco. Poi, sotto shock ha vagato lungo la strada, fino all’arrivo del 118.

Ora la salma di Stefano Di Vona è stata ricomposta nella camera mortuaria del cimitero di Aosta, in attesa del nullaosta per i funerali, che con ogni probabilità verranno già dati questa mattina, dal pm Pasquale Lognarini.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte