Secondo i periti sono colpevoli i 4 medici accusati di lesioni personali colpose

I fatti risalgono al 2005, quando una donna di 33 anni di Aosta, si era recata in ospedale per un parto gemellare. Secondo l'accusa, vi erano stati dei ritardi nell'eseguire il taglio cesario ed erano subentrate delle complicazioni.
L'ingresso dell'ospedale Beauregard di Aosta
Cronaca

Per i periti della parte offesa non ci sono dubbi sulla colpevolezza dei quattro medici dell’ospedale Beauregard di Aosta accusati di lesioni personali  colpose.
Questa mattina, mercoledì 6 ottobre, sono comparsi davanti al giudice  monocratico di Aosta, Giuseppe Colazingari. Si tratta di: Giuseppe Cannizzo, di  63 anni, di Aosta, difeso dall’avvocato Piergiogrio Pietrini, primario di  ginecologia; Osvaldo Bruna, di 58 anni, (Maria Grazia Dal Tole’); Dante  Salvatores, di 70 anni, (Nilo Rebecchi) e Gianluca Malara, di 64 anni (Gino  Obert).

I fatti risalgono al 3 novembre del 2005, quando una donna di 33 anni di Aosta, rappresentata in aula dall’avvocato Nicoletta Spelgatti, si era recata in  ospedale per un parto gemellare. Secondo l’accusa, vi erano stati dei ritardi nell’eseguire il taglio cesario ed erano subentrate delle complicazioni. Accuse  respinte dei medici, che sostengono di aver agito correttamente.
 
‘’Il ritardo nell’esecuzione del parto cesario – ha commentato in aula il perito di parte civile, Pierluigi Baima Bollone (medico legale ed esperto della Sacra  Sindone) – ha influito con la comparsa della Cid e la successiva isterectomia.  Infatti, non vi era alcuna ragione per rinviarlo’’.
I consulenti degli imputati e il perito del Pm, invece, hanno sempre sottolineato come i medici  abbiano agito correttamente e nell’interesse della paziente.

Il processo è stato aggiornato al 15 dicembre per la discussione finale e la  sentenza.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte