Sei ragazzini dai 12 ai 16 anni, gli autori degli atti di vandalismo al PalaMiozzi

Tutti ragazzi normali, provenienti da famiglie senza problemi. Quattro di loro (tre ragazzi di 14 e uno di 16 anni) sono stati denunciati al tribunale dei minori di Torino, gli altri due, di 12 e 13 anni non sono punibili. Grimod ringrazia il Questore.
il palamiozzi danneggiato
Cronaca

Hanno tra i 12 e i 16 anni, i sei ragazzini che hanno devastato il PalaMiozzi, in via Amato Berthet, al quartiere Dora di Aosta. Tutti ragazzi normali, provenienti da famiglie senza problemi. Quattro di loro (tre ragazzi di 14 anni e uno di 16 anni) sono stati denunciati al tribunale dei minori di Torino, gli altri due, di 12 e 13 anni non sono punibili.

I fatti risalgono al 19 agosto, quando il custode della palestra aveva chiamato la votante per denunciare ingenti danni. Sul posto, oltre agli agenti della volante, erano arrivati gli uomini della scientifica, che avevano rilevato numerose impronte di scarpe.

Gli agenti dell’ufficio criminalità diffusa hanno iniziato così una serie di indagini. Da una serie di accertamenti, gli investigatori sono arrivati ai sei ragazzini, che sono stati invitati a presentarsi in questura con le rispettive famiglie. Lì, sentiti a turno, hanno tutti ammesso le loro responsabilità. Non solo, a uno è stato sequestrato anche un filmato, registrato con il cellulare, in cui si riprendevano mentre entravano in palestra.

Ed è stato proprio il filmato a stabilire il giorno esatto in cui si sono introdotti in palestra, ovvero verso le 20,13 del 14 agosto. I ragazzi hanno poi ammesso di essersi introdotti nuovamente nel palazzetto anche i giorni seguenti, ovvero il 16 agosto e di non essere mai tutti e sei assieme. Messi davanti ai fatti, i giovani non hanno saputo spiegare il perché di tale gesto. “E’ stata hanno ragazzata, non sapevamo cosa fare”, hanno detto agli investigatori. Sconcerto da parte delle famiglie.

Il sindaco di Aosta, Guido Grimod, in una lettera inviata al questore, Salvatore Aprile, ha espresso il ringraziamento dell’Amministrazione per la celere conclusione dell’indagine condotta dalla squadra mobile.
“La soddisfazione per la conclusione positiva dell’indagine esternata nella lettera alla Questura – commenta il Sindaco Grimod – è però mitigata dall’inquietudine e dalla preoccupazione date dalla giovane età dei responsabili del raid vandalico. Sembra assurdo pensare che dei ragazzini appena adolescenti possano rendersi autori di atti così gravi ai danni della comunità. In questo senso è necessario che il mondo degli adulti, Istituzioni e famiglie in primis, compia una seria e attenta riflessione sul problema”.

I giovani vandali si erano introdotti nel palazzetto da basket provocando gravi danni alla struttura. I teppisti erano entrati forzando una delle uscite di sicurezza e avevano seriamente danneggiato il parquet della palestra versandovi sopra la schiuma degli estintori, solventi e detersivi vari, trovati negli armadietti della struttura. Non solo, alcuni locali erano stati allagati, svuotati gli armadietti contenente il materiale delle varie società, oltre ad aver rubato alcuni microfoni.

Intanto, gli agenti dell’ufficio criminalità diffusa, stanno finendo di svolgere le indagini per un altro atto di vandalismo, commesso a luglio, presso il centro estivo sempre al quartiere Dora. “Anche in questo caso si tratta di ragazzini minorenni – spiegano in investigatori – ma non sono gli stessi che abbiamo identificato per il PalaMiozzi”.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte