Valsavarenche, liberato l’alpinista incastrato sotto un masso

L’uomo stava salendo verso la vetta Tresenta quando, ad una quota attorno ai 3100 metri, è stato colpito da un masso staccatosi dalla parete che, urtandolo, ha terminato la sua corsa e l’ha bloccato.
L'intervento soccorso alpino/VVF
Cronaca

E’ stato liberato dal grosso masso che bloccava le sue gambe l’alpinista di 52 anni tedesco investito da una scarica di sassi questa mattina sopra il rifugio “Vittorio Emanuele II”, sulla via verso la vetta Tresenta, ad una quota attorno ai 3100 metri, ai confini con il livello neve della cima. L’uomo è stato trasferito al Pronto soccorso del Parini di Aosta dall’elisoccorso e si trova ora in fase diagnostica per un trauma alla gamba destra.

Il luogo dell’incidente era stato raggiunto da alcune guide e da persone che si trovavano al rifugio sottostante, ma il masso era di dimensioni importanti, attorno al metro cubo, tanto che gli sforzi fatti per spostarlo non avevano avuto un buon esito. Per questo sono dovuti intervenire sul posto una squadra di Vigili del fuoco con apposita attrezzaturacalata con il verricello, a supporto del team composto dalle guide alpine e dal medico.

 

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Cronaca
Cronaca
Cronaca