Ventina, dallo scioglimento del ghiacciaio riemerge un ordigno

Il ritrovamento, ai 3.090 metri del canale della Spazzatura, è avvenuto a inizio agosto, da parte di un cittadino, che lo ha segnalato ai Carabinieri. L’area, non vicina ad alcun impianto sportivo, né ad abitazioni, è stata recintata.
Artificieri dell'Esercito (foto d'archivio).
Cronaca

E’ un fenomeno che si sta manifestando in diversi angoli d’Italia. L’erosione conseguenza dalla siccità protratta restituisce oggetti risalenti a decenni fa, se non prima. Se nella Pianura padana dai corsi d’acqua mai tanto bassi è rispuntato anche un carro armato, in Valle d’Aosta il fenomeno riguarda le pendici delle montagne, in alta quota.

A Breuil-Cervinia, all’inizio di agosto, un escursionista ha segnalato ai Carabinieri il rinvenimento di un ordigno nel canale della Spazzatura, sul Ventina. Siamo a quota 3.090 metri e l’oggetto, ritenuto risalire verosimilmente all’ultimo conflitto mondiale, è emerso tra le rocce a seguito dello scioglimento del ghiacciaio.

L’ordigno è costituito da un cilindro metallico, lungo circa 30 centimetri per 5 di diametro, parzialmente ossidato. La zona interessata dal rinvenimento è stata delimitata con transenne e cintata con nastro da segnalazioni. Perimetrazione che i Carabinieri della locale stazione hanno confermato, dopo il loro intervento.

Un’ordinanza del Sindaco di Valtournenche Jean-Antoine Maquignaz vieta a chiunque di “transitare, approssimarsi, permanere e sostare nelle vicinanze della zona delimitata”. I Carabinieri hanno richiesto l’intervento della Squadra artificieri. Nei pressi del luogo del ritrovamento non vi sono strutture abitative e gli impianti sportivi più vicini risultano a notevole distanza.

Fenomeni simili si sono verificati anche sui ghiacciai svizzeri. A fine luglio, i resti mummificati di un alpinista morto da almeno 30 anni sono emersi dal ghiacciaio Stockji (3.092 metri), non distante dal Cervino. A inizio agosto, invece, sull’Aletsch (tra i cantoni di Berna e Vallese), ad essere rinvenuti sono state parti di un aereo Piper Cherokee, che risultava essersi schiantato nell’area il 30 giugno 1968.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime novità di Aosta Sera? Iscriviti alla nostra newsletter.

Articoli Correlati

Fai già parte
della community di Aostasera?

oppure scopri come farne parte